Troppe bocciature? La scuola pubblica consiglia la privata

opo la seconda bocciatura del figlio 16enne, un papà di Teramo ha pensato bene di contattare la scuola per chiedere consigli su come orientare al meglio suo figlio per evitare di perdere un altro anno. Peccato che all’altro capo del telefono, la segretaria amministrativa di turno ha prontamente risposto di rivolgersi ad una struttura privata

Dopo la seconda bocciatura del figlio 16enne, un papà di Teramo ha pensato bene di contattare la scuola per chiedere consigli su come orientare al meglio suo figlio per evitare di perdere un altro anno. Peccato che all’altro capo del telefono, la segretaria amministrativa di turno ha prontamente risposto di rivolgersi ad una struttura privata dove il ragazzo avrebbe potuto anche recuperare i due anni in uno.

A sentire queste parole, il padre del ragazzo ha pensato di registrare la conversazione che è finita su youtube. Oltre al consiglio di rivolgersi alla scuola privata, la segreteria ha fatto anche nomi di docenti a cui rivolgersi. La famiglia ha denunciato denuncia: «Il ruolo della scuola pubblica che è di indirizzare i ragazzi a scegliere il percorso migliore per loro in questo modo è venuto meno». Informata anche la direzione scolastica regionale.

Qui l’audio della telefonata

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Terremoto, il Miur lancia l’iniziativa adotta una scuola

Next Article

Omofobia, un tema di attualità per la tesina

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.