Trento, check-up alla crisi globale

crisiglobale.jpgFervono i preparativi per un evento che, negli ultimi anni, è diventato un punto di riferimento nel settore: il Festival dell’Economia di Trento che – anche nell’edizione 2009 in programma dal 29 maggio al 1 giugno – ospiterà una nutrita e qualificata rappresentanza di addetti ai lavori.
Il tema di quest’anno sarà “Identità e crisi globale”: seguendo questo fil rouge esperti e studiosi di fama internazionale dialogheranno fra loro e con il pubblico proponendo occasioni di riflessione e dibattito per aiutare a comprendere i cambiamenti del mondo nell’epoca della globalizzazione.
Sede degli incontri sono i palazzi antichi, i chiostri, le strade e le piazze del centro storico del capoluogo. Dopo “Ricchezza e povertà” nel 2006, “Capitale umano, capitale sociale” nel 2007 e “Mercato e democrazia” nel 2008, quest’anno il Festival indaga il rapporto tra identità e interazioni sociali.
Prestigioso il parterre dei relatori, fra cui spicca l’economista George Arthur Akerlof, docente all’Università di Berkeley e, soprattutto, vincitore nel 2001 (assieme a Michael Spence e Joseph E. Stiglitz) del Premio Nobel per le sue teorie sulle differenze di informazione tra i soggetti economici, all’origine della distorsione dei mercati. Ed ancora: Lucio Caracciolo, il direttore di Limes, rivista italiana di geopolitica, e di Eurasian Review of Geopolitics Heartland, ritenuto uno dei massimi esperti in campo internazionale, e il sociologo Giuseppe De Rita, tra i fondatori del Censis – Centro Studi Investimenti Sociali.
Accanto ad Akerlof è prevista la presenza di un altro premio Nobel: si tratta di James Heckman, economista e statistico statunitense insignito nel 2000 (insieme a Daniel McFadden) di quest’importante riconoscimento in virtù degli studi basati sull’analisi statistica dei comportamenti individuali e familiari.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Master IED, per imparare a comunicare

Next Article

Scrutini, in condotta fioccano i 5

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".