Tremila stage retribuiti nel Mezzogiorno

Il settore del turismo premia il Sud con l’arrivo di ben 3mila stage retribuiti durante la stagione estiva 2011. Le regioni scelte sono: Calabria (567), Campania (933), Puglia (667) e Sicilia (833). L’iniziativa promossa dal ministero del Lavoro, sostenuta da Federalberghi e realizzata da Italia Lavoro, offre l’opportunità di svolgere anche nel settore del turismo nuove esperienze lavorative della durata di due mesi.

Ciascun stagista riceverà una borsa di studio di 1.100 euro (550 mensili al lordo delle ritenute) e le aziende che li ospiteranno non dovranno sopportare alcun costo in quanto il programma coprirà anche i costi relativi all’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. L’interesse delle imprese è testimoniato – fa notare Federalberghi – dai risultati concreti: secondo gli ultimi dati dell’indagine Excelsior (realizzata da UnionCamere e Ministero del Lavoro) sulla domanda di lavoro, le imprese italiane accolgono ogni anno più di 320.000 tirocinanti, di cui circa 55.000 svolgono lo stage all’interno di alberghi e ristoranti. Analizzando le prime 400 richieste pervenute dalle aziende si evidenzia come il 30% degli stage si svolgeranno al ricevimento, il 21% in sala, il 14% in cucina, il 14% al bar.

Federalberghi ha predisposto un manuale operativo (scaricabile dal suo sito), realizzato su misura per le imprese e le associazioni territoriali del settore turismo, con l’obiettivo di facilitare l’organizzazione e la gestione dei tirocini.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Luigi de Magistris è il nuovo Sindaco di Napoli

Next Article

“Mi scappa la pipì:arte per i bambini

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"