Tragedia di Ravanusa, la preside della scuola danneggiata dalla fuga di gas scrive a Mattarella e al ministro Bianchi: “Aiutateci”

Il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo “Manzoni”, Marilena Giglia, ha scritto al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e al ministro della Pubblica istruzione Patrizio Bianchi. La “scuola blu” (il plesso Don Bosco) si trova a soli 25 metri da via Trilussa, luogo del disastro dell’11 dicembre a causa di una fuga di gas.

“La nostra scuola ha bisogno di sostegno. Ha bisogno di ripartire e rialzarsi, ecco perché vi chiedo aiuto, vi chiedo di non abbandonarci, l’informazione abbia sempre a cuore l’umanità di una comunità distrutta. Gli alunni sono già provati da una didattica a distanza. I bambini e gli adolescenti si erano appena riappropriati dei loro spazi educativi, scolastici così come di quelli ricreativi e sportivi. La tragedia dell’11 dicembre segna le anime di questi ragazzi e soprattutto dei più deboli. Aiutateci, sostenendoci per fare in modo che i ragazzi e i bambini possano ritornare nella loro scuola dal colore blu come il cielo, insieme ai propri compagni per potere raccontare e raccontarsi”.

Con queste parole, chiedendo di recarsi a Ravanusa, il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo “Manzoni”, Marilena Giglia, ha scritto al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e al ministro della Pubblica istruzione Patrizio Bianchi. La “scuola blu” (il plesso Don Bosco) si trova a soli 25 metri da via Trilussa, luogo del disastro dell’11 dicembre a causa di una fuga di gas dove hanno perso la vita 9 persone, 10 con il piccolo Samuele che è rimasto nel grembo della mamma.

L’istituto, che ospita 450 alunni di scuola primaria e secondaria di primo grado, che è stato scalfito da detriti generati dalla forte esplosione, “tanto da sembrare schegge di una bomba” ha scritto il dirigente scolastico. Il ministro dell’Istruzione ha chiamato la preside e ha ringraziato la scuola “per aver mostrato alto senso dello Stato”. Il ministro, colpito dalle parole del dirigente scolastico, ha promesso di essere presente personalmente per la riapertura del plesso ed ha rinnovato la sua completa disponibilità e vicinanza. 

Total
8
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Legge di Bilancio, 60 milioni in più per docenti. Sinopoli "Non ancora sufficienti ma prova che scioperare paga"

Next Article

Emergenza Covid, ai presidi non piacciono le super vacanze di Natale per gli studenti: "Idea inutile"

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.