Tra arte e magia

All’Accademia di Belle Arti di Napoli si terrà la manifestazione “Legami”: il frutto del lavoro degli allievi della prof. Antonini.

Presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli alle ore 11.00 si terrà la manifestazione “Legami”: il frutto del lavoro svolto in due anni dagli allievi del corso di tecniche performative diretto dalla prof. Maria Cristina Antonini.
Arte intesa come percezione dei sensi, come voglia di fare gruppo partendo dall’espressione di se stessi. “Ciò che abbiamo voluto fare è creare dei legami tra noi per poi mostrarli e lasciare una traccia. Un percorso emozionante che speriamo possa impressionare positivamente anche i visitatori” ci ha spiegato la prof. Antonini. Inizialmente, Legami, doveva essere un libro che poi si è trasformato in un gioco: “Una scatola magica contenente pietre, isole e tessere realizzate con tutti i nostri lavori e le immagini del laboratorio. Incastrandole tra loro danno luogo a costruzioni fantastiche e insoliti paesaggi” ha continuato la Antonini.
Una giornata rivolta proprio a tutti: dai più piccoli agli anziani affinchè ognuno possa contribuire alla realizzazione di queste strutture che, naturalmente, sono corredate di istruzioni per l’uso fatte da tutti gli scritti prodotti in laboratorio e che conducono il lettore in un percorso misterioso ma decifrabile. “La didattica è soprattutto relazione, ritengo importante poter interagire con il pubblico attraverso il mio corso. Per questo regaleremo le nostre tessere a chi lo vorrà così da poter costruire le proprie strutture” ha concluso la professoressa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

DDL, la nuova manovra siglata Tremonti

Next Article

Mozione del Senato Accademico dell'Aquila

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".