Torna OrientaSud: lavoro e internazionalizzazione per motivare i giovani

Presentata questa mattina la XVI edizione di OrientaSud, il Salone delle Opportunità. Alla conferenza stampa, tenuta presso la sede dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, hanno preso parte Mariano Berriola, presidente della Fondazione Italia Orienta, Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, e Gianfranco Sanna, dirigente scolastico del Liceo Mazzini di Napoli 
NAPOLI – Attivare, motivare e indirizzare la loro vita professionale. In un quadro generale che vede la disoccupazione giovanile toccare il 40% e la dispersione scolastica e gli abbandoni universitari raggiungere livelli altissimi, OrientaSud ritorna puntuale alla Mostra D’Oltremare di Napoli per far acquisire strumenti e capacità utili nell’arco dell’intera vita lavorativa, grazie a incontri gratuiti di formazione e orientamento.
Dai workshop ai colloqui di orientamento. Per facilitare i giovani in questa difficile complessità, saranno a disposizione circa 24 seminari e laboratori, gratuiti e continuativi, sul tema del lavoro, così da consentirne la fruizione al maggior numero di giovani iscritti. Per rispondere invece alla scarsa conoscenza delle professioni da parte dei ragazzi, che ne implica un disorientamento nella scelta degli studi, al Salone saranno presenti 12 orientatori della Fondazione Italia Orienta che proporranno, facoltà per facoltà, le professioni collegate. Dal bioarchitetto al packaging designer, fino al medico nucleare, così da analizzare nello specifico come le singole professioni cambiano e si rinnovano.
Presentato il portale Likefogg.com. Per i giovani in cerca di lavoro, OrientaSud metterà a disposizione la neonata piattaforma likefogg.com, un sito per gli Italiani interessati a esperienze di studio, scambi culturali, stage e lavoro all’estero.

berriola e lucarelli
Mariano Berriola e Ottavio Lucarelli
“Il disorientamento dei ragazzi nasce dal fatto che non conoscono le professioni. In un mondo che cambia, in un contesto in continua evoluzione, anche le professioni sono cambiate. Ce ne sono molte nuove – ha spiegato Mariano Berriola, presidente della Fondazione Italia Orienta, durante la conferenza stampa della manifestazione, moderata da Ottavio Lucarelli, che si è tenuta presso la sede dell’Ordine dei Giornalisti della Campania – . Prima di scegliere, allora, diventa fondamentale per uno studente conoscere davvero la vita che farà attraverso la professione scelta. “OrientaSud può aiutare i docenti ad affrontare una nuova didattica, una didattica orientativa” – ha aggiunto Gianfranco Sanna, dirigente scolastico del Liceo Mazzini di Napoli.
Il preside del Liceo Mazzini di Napoli
Il preside del Liceo Mazzini di Napoli
Lavoro e territorio: 4 assegni per premiare le idee. Nella giornata inaugurale, il 17 novembre, verranno premiati i vincitori della terza edizione del concorso “Città e Lavoro. Le MIE idee”, rivolto agli studenti delle classi IV e V delle scuole secondarie di secondo grado della Regione Campania. I primi quattro classificati riceveranno 4 borse di studio dell’importo di 250 euro ciascuno.
OrientaSud: un progetto della Fondazione Italia Orienta. La manifestazione nasce nel 2000 con l’obiettivo di supportare i giovani nella ricerca di un lavoro, di offrire loro opportunità di scambi culturali, formativi e professionali, combattendo così la dispersione scolastica, gli abbandoni universitari, la disoccupazione giovanile, il fenomeno dei NEET. OrientaSud si svolge con l’adesione della Presidenza della Repubblica, con il Patrocinio di Camera e Senato.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Easyjet Europe Graduate Programme: 2 anni di tirocinio in azienda per laureandi e laureati

Next Article

Istruzione 2.0: investimento da 1 miliardo di euro per il Piano Nazionale Scuola Digitale

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"