Torino, quando i banditi sono monelli

bambini-carcere.jpgL’Università di Torino riflette sulla giustizia minorile e lo fa con due giornate dedicate alla sua nascita, allo sviluppo e alle attuali tendenze con uno sguardo particolare alle Pari Opportunità e alle Politiche di Genere.
Il Convegno, intitolato “Ripartiamo dalle radici… Porte aperte sulla Giustizia Minorile” si svolgerà mercoledì 18 giugno, dalle 9 alle 18 presso l’aula magna del Palazzo del Rettorato, Via Verdi n. 8 / Via Po n. 17, e affronterà le tematiche legate situazione attuale degli Istituti Minorili in Italia, con particolare riferimento alle Pari Opportunità e al crescente fenomeno dell’immigrazione minorile, alla comunicazione e diffusione delle notizie aventi per protagonisti i minori. Il Rettore dell’Università degli Studi Professor Ezio Pelizzetti porterà il suo saluto.
Parte del convegno sarà la mostra fotografica “Monelli banditi” che dal 16 al 28 giugno si svolgerà in Rettorato.
L’evento sarà presentato durante una conferenza stampa lunedì 16 alle ore 11 nell’ aula “Mario Allara” del Palazzo del Rettorato.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Consulenti commerciali nel gruppo Cattolica Assicurazioni

Next Article

La moderna agorà di Germaneto

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.