La moderna agorà di Germaneto

campusgermaneto.gifTra data e orario dell’inaugurazione non ci si può confondere: il 18 giugno alle ore 18. L’Università Magna Graecia di Catanzaro presenterà la nuova struttura dedicata alla socializzazione all’interno del Campus di Germaneto, presso l’Edificio delle Bioscienze (al terzo livello). Un luogo di incontro per tutta la comunità universitaria catanzarese: la moderna agorà “fisica” si chiama University Club. E avrà anche un corrispettivo virtuale: un sito internet dove troveranno spazio le iniziative e le discussioni della nutrita community accademica.
UnyClub rappresenta il luogo in cui tutte le componenti della comunità universitaria si possono incontrare per confrontarsi e discutere insieme. In occasione dell’inaugurazione della struttura sarà presentato anche il sito internet dedicato, raggiungibile dalla homepage del sito istituzionale www.unicz.it.
Il sito di UnyClub costituirà una specie di cabina di regia, di “piazza” virtuale, attraverso cui verranno programmate e organizzate le varie iniziative culturali. All’interno di UnyClub si potranno quotidianamente leggere libri, consultare giornali e riviste, ascoltare musica, ma anche programmare presentazioni di libri, cineforum, conferenze, concerti.
La prima iniziativa che viene promossa, in occasione dell’inaugurazione, ha come slogan “Dona un libro…e possibilmente presentalo”, e ha l’obiettivo, non solo di arricchire la biblioteca di UnyClub, ma anche, nel tempo, di “lasciare il segno” delle varie sensibilità presenti nella comunità accademica catanzarese.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torino, quando i banditi sono monelli

Next Article

Da Oviesse servono 40 direttori

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".