Torino: corso gratuito addetto contabilità

Nuova offerta formativa in Piemonte. Manager Srl, nella sua sede di Torino, organizza il corso gratuito per Addetto alla Contabilità rivolto a disoccupati e studenti.  Il corso di formazione avrà inizio in data 7 gennaio 2019.
Manager Srl, con la collaborazione di Synergie, organizza il corso “Addetto Contabilità”, rivolto a candidarti che non posseggono conoscenze in materia di contabilità e necessitano di apprendere i fondamenti base per potersi inserire nel mondo del lavoro.

Il corso di formazione, completamente gratuito perché finanziato dal fondo Forma.Temp, mira a fornire le nozioni base per gestire gli aspetti fondamentali di paghe e contributi presso studi e CAF.
Il corso gratuito per addetto alla contabilità è suddiviso in 11 moduli che tratteranno i seguenti argomenti:
MODULO 1 – normativa lavoratori temporanei – 4 ore (teoria)
– diritti di lavoratori temporanei.
MODULO 2 – Sicurezza e salute sul luogo di lavoro – 4 ore (teoria)
MODULO 3 – 8 ore (teoria)
– introduzione al corso: illustrazione del programma degli obbiettivi;
– imprese: tipologie e regimi contabili.
MODULO 4 – 8 ore teoria
– libri contabili : obbligatorietà e facoltà;
– momento della rilevazione contabile.
MODULO 5 – 16 ore teoria
– i principi della contabilità;
– aspetti economici ed aspetti finanziari;
– stato patrimoniale e conto economico (il bilancio di esercizio);
– concetti di competenza;
– struttura del piano de conti;
– tecnica della partita doppia.
MODULO 6 – 16 ore teoria
– imposto dirette e imposte indirette (IVA,IRES,IRPEF,IRAP);
– IVA Principi generali: Imposta sul valore aggiunto;
– territorialità dei servizi;
– operazioni imponibili, non imponibili, esenti ed escluse;
– le principali aliquote IVA;
– IVA oggettivamente indetraibile;
– registri e registrazioni;
– corrispettivi e ricevute, costi non documentati;
– liquidazioni e comunicazioni IVA.
MODULO 7 – 8 ore teoria
– flusso documenti aziendali;
– ordini clienti e fornitori;
– D.D.T./ rapporti di lavoro (erogazione servizi);
– fatture di vendita;
– fatture acquisto;
– incassi/pagamenti.
MODULO 8 – 48 ore di cui 28 ore teoria 20 ore pratica
– i principali applicativi (software) di contabilità; logica di funzionamento;
– i sezionali di contabilità (partitari clienti/fornitori, scadenzari);
– registrazioni in partita doppia dei principali fatti aziendali;
– rilevazione sottoscrizione e versamento capitale sociale;
– esercitazioni su capitale sociale (pratica);
– le operazioni passive;
– costi di esercizio e costi pluriennali;
– acquisti di beni materiali e servizi;
– acquisti cespiti (costi pluriennali);
– acquisti servizi soggetti a Ritenuta d’acconto;
– acquisti con IVA detraibile;
– acquisti con IVA indetraibile;
– acquisti con IVA parzialmente indetraibile;
– importazioni ed acquisti materiali intracomunitari;
– servizi intracomunitari;
– operazioni doganali Acquisti extracomunitari;
– poste rettificative delle operazioni passive: resi, abbuoni, sconti, arrotondamenti;
– esercitazioni su operazioni passive (pratica);
– le operazioni attive;
– registrazioni contabili del ciclo attivo: cessioni di beni e prestazioni di servizi;
– esportazioni (vendite extra CEE) e vendite intracomunitarie;
– poste rettificative delle operazioni attive: resi, abbuoni, sconti, arrotondamenti;
– esercitazioni su operazioni attive (pratica).
MODULO 9 – 24 ore di cui 16 teoria 8 di pratica
– registrazioni dei pagamenti;
– registrazioni degli incassi: registrazioni particolari, factoring,RIBA;
– contabilizzazione di stipendi e salari;
– azienda come sostituto d’imposta;
– contributi e oneri sociali;
– rilevazioni degli enti previdenziali;
– assegni familiari;
– fondi complementari;
– liquidazione TFR;
– esercitazioni incassi, pagamenti, factoring, RIBA, stipendi e salari (pratica).
MODULO 10 – 16 ore 8 teoria 8 pratica
– scritture di assestamento (integrazione, rettifica, ammortamento);
– chiusura dei conti e determinazione del risultato d’esercizio;
– il bilancio d’esercizio;
– esercitazioni chiusura e riapertura bilancio (pratica).
MODULO 11 – 8 ore teoria
– il controllo di gestione cenni;
– i centri di responsabilità;
– il processo del budget: budget funzionale, aziendale;
– la contabilità analitica;
– i consuntivi a raffronto con i budget cos’è un forecast;
– l’analisi degli scostamenti e le azioni correttive.

Il corso gratuito per addetto alla contabilità è rivolto ai soggetti maggiorenni appartenenti alle seguenti categorie:
– disoccupati;
– studenti;
– stranieri;
– lavoratori in mobilità;
– lavoratori in cassa integrazione straordinaria.
 
Il corso per addetto alla contabilità si terrà presso la sede di Manager Srl, in Corso Turati n.11/C a Torino. Il percorso di formazione avrà inizio in data 7 gennaio 2019 e fine entro il 31 gennaio 2019, per un totale di 160 ore. La frequenza alle lezioni è stabilita tra le ore 9.00 e le ore 13.00 e tra le ore 14.00 e le ore 18.00.
Per partecipare al corso gratuito “Addetto Contabilità”, gli interessati possono compilare l’apposito form online relativo al percorso formativo d’interesse raggiungile a questa pagina web cliccando su ‘Filtro città > Torino’.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Festival Cabaret Emergente 2019: come partecipare

Next Article

Firenze: concorso per 8 Insegnanti Scuola dell’Infanzia

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.