Tor Vergata e Harvard unite per creare cure anticancro innovative

harvard tor vergata

L’Università di Harvard e quella di Roma Tor Vergata unite nella lotta al cancro – Attivata una partnership senza precedenti tra Università di Tor Vergata e Harvard di Boston che consentirà la nascita a Roma di un “ospedale dei topolini” per mettere a punto rapidamente nuove terapie anticancro personalizzate da usare poi direttamente su pazienti “difficili” che non rispondono alle cure standard.

E’ solo uno degli obiettivi – già in fase attuativa – della neonata “Fondazione HBT” (Harvard Medical Faculty Physicians-Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston-Tor Vergata), che significa anche “Hope to Beat Tumorigenesis” – Speranza di vincere i tumori, presentata oggi in ateneo durante l’incontro “La Medicina di Domani, oggi”.

Forte dell’expertise maturata da un’analoga esperienza già attiva in Usa, l’ospedale del topo di Tor Vergata segna l’inizio di una nuova era per le sperimentazioni cliniche contro i tumori, in raccordo tra l’Ateneo romano e la prestigiosa Harvard University.

”La Fondazione – racconta all’ANSA Giuseppe Novelli, rettore di Tor Vergata – è stata sancita ieri di fronte a un notaio e apre le porte al futuro, una ricerca senza confini dove non ci saranno più cervelli in fuga ma solo ricercatori che lavorano tra Usa e Italia a progetti congiunti”, scambiando informazioni e accelerando il passaggio tra ricerca su animali e applicazioni cliniche sui pazienti.

L’ospedale del topo, ideato dall’italiano Pier Paolo Pandolfi che dirige il Cancer Center di Harvard alcuni anni fa e già attivo a Boston, tecnicamente definito ‘progetto Co-Clinico’, è una struttura in cui topolini sono modificati geneticamente per studiare i geni del cancro di un certo paziente. Ciò consente di arrivare rapidamente a scoprire nuove molecole, nuove combinazioni di farmaci e nuovi protocolli terapeutici da usare sul singolo paziente. In questo modo, spiega Pandolfi, si curano pazienti che altrimenti non avrebbero chance di guarigione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Disoccupazione, il dramma dei giovani: "Mai un tasso così elevato"

Next Article

La Grande Bellezza trionfa, è Oscar all'Italia. Dopo 15 anni torniamo nell'Olimpo del cinema

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".