Tetrapak apre le porte a 10 diplomati, a Modena

La multinazionale Tetrapak, specialista nella realizzazione di prodotti per la conservazione e il confezionamento di alimenti liquidi offre posti a Modena con vista sul mondo. L’azienda, che ha la sua sede italiana in Emilia Romagna, con precisione a Modena, aprirà le porte a circa 10 giovani in possesso di diploma o laurea.
I selezionati, infatti, saranno inseriti in un programma di formazione lungo 18 mesi per diventare tecnici di assistenza, Service engineer e puntare all’inserimento a tempo indeterminato.
Vediamo, nel dettaglio, quali sono i requisiti richiesti al candidato ideale. Più del titolo di studio conta la voglia di mettersi alla prova e misurarsi con un lavoro pratico ad alta specializzazione. Sono graditi sia candidati con un diploma in materie tecniche (preferibilmente periti tecnici, meccanici o elettronici) sia giovani in possesso di laurea breve sempre in ambito tecnico-scientifico. Una buona dimestichezza con la lingua inglese è considerata indispensabile. Non bisogna superare poi i 29 anni e garantire la disponibilità a spostarsi, anche all’estero.
Nei 18 mesi di formazione, infatti, sono comprese parecchie trasferte oltreconfine: si calcola che, mediamente, un tecnico Tetrapak sia in viaggio 150 giorni all’anno. E la formazione riguarda anche questo. I prescelti, infatti, entreranno a far parte di una task force di assistenza che opera sia in Italia sia all’estero.
Per candidarsi è necessario inserire il proprio curriculum vitae direttamente dal sito internet dell’azienda www.tetrapak.com/working.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il "sesso sicuro" fa tappa a Perugia

Next Article

G8 dei grandi, atenei in fermento

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.