Test medicina: si al colloquio

Ieri si è tenuto il test d’accesso per le Facoltà di Medicina e Chirurgia. Ecco i primi commenti dalla Federico II di Napoli

Finita la preparazione, finita l’ansia e la paura del test d’accesso alla facoltà di medicina, i futuri camici bianchi possono solo aspettare la graduatoria di ammissione.
Alla Federico II di Napoli hanno sostenuto il test ben 3.739 persone per 358 posti disponibili. Alla fine della prova molti i pareri discordanti: qualcuno dice d’aver trovato le domande più semplici di quelle dello scorso anno, altri credono che ogni anno i quiz si complichino di più.
Parola d’ordine tra i ragazzi: si al colloquio! Ormai stanchi di essere valutati per le sole competenze esprimibili con il test, sembrano essere tutti d’accordo su questo punto come ci ha spiegato Katia Nespoli all’uscita dall’aula: “Purtroppo, il mio test è stato annullato. Solo allo scadere della seconda ora mi è stato detto che avevo sbagliato a compilare l’iscrizione. Lo trovo molto ingiusto! Sostenere un colloquio sarebbe la cosa più giusta da fare poiché le domande limitano la nostra capacità di espressione e dimostrazione della preparazione”. Dello stesso parere Antonio Auricchio: “Il colloquio è necessario. Anche se credo d’aver superato bene la prova ritengo che questa possa essere penalizzante. Non so quanto possa servire conoscere in quale poesia si trova un determinato verso per fare il medico – ha continuato – la cultura non viene solo dalla formazione scolastica, è anche formazione personale e solo con un test non si ha adeguata possibilità di dimostrarlo”.
Molti si aspettano un cambiamento dal prossimo anno. C’è anche chi suggerisce di adottare il metodo francese ovvero iniziare il corso di studi di medicina e poi, raggiunto il terzo anno, sostenere un esame per verificare se la preparazione è adeguata per terminare la laurea.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Ho letto il vostro articolo e volevo evidenziare 2 aspetti:
    1) Il colloquio orale è il modo più soggettivo e quindi impari per valutare 3789 studenti perchè la risposta dipende dal tipo di domanda che viene posta dal docente e dipende da come viene valutata dallo stesso… Il test è un modo più oggettivo.
    2) La poesia e le domande di cultura generale non servono per diventare medico in se ma per valutare la formazione generale di uno studente. Si potrebbe discutere su quali siano gli argomenti più idonei da porre nelle domande…
    N.B Con questo tipo di test hai la sicurezza di essere ammesso nella facoltà con 50 punti. Con un colloquio orale non hai nessuna certezza!!!

Lascia un commento
Previous Article

Come mi preparo per i test?

Next Article

Odontoiatria: studenti alla seconda prova

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"