Test d’ingresso a medicina: mission impossible

test d'ingresso medicina

Test d’ingresso medicina Con 84 mila richieste per soli 10 mila posti disponibili passerà la prova solo 1 candidato su 8 Graduatoria nazionale e bonus maturità rendono la selezione ancora più difficile

 

Il 9 settembre si terranno i test d’ingresso per i corsi universitari in Medicina e Odontoiatria, ma passarli quest’anno sarà davvero difficile.

Non solo per la difficoltà dei quesiti, il poco tempo a disposizione e l’inevitabile stress da esame: i numeri della selezione sono una vera e propria lotteria.

Aumentati, infatti, gli aspiranti medici: alle facoltà italiane sono arrivate ben 84 mila richieste, a fronte delle 68 mila pervenute per lo scorso anno; un incremento di 16 mila unità pari ad un +23 %.

Considerando che i posti a disposizione sono circa 10 mila, quasi gli stessi dell’anno scorso, le possibilità di passare il test sono solo 1 su 8.

Il questionario, poi, è stato reso più selettivo: meno domande di cultura generale, passate da 20 su 80 a sole 5 su 60, mentre sarà dato maggiore peso a logica (25 quesiti), biologia (14), chimica (8), fisica e matematica (8); le risposte corrette varranno + 1,5 punti, ne valevano solo 1 lo scorso anno, e quelle errate – 0,4 punti, solo 0,25 nel vecchio test.

A complicare le cose, ci sarà anche la graduatoria unica nazionale, che, praticamente, mette tutti gli aspiranti medici nella stessa competizione e alza il punteggio minimo per essere ammessi, e il bonus maturità: un punteggio variabile tra 1 e 10 punti da assegnare, a discrezione delle singole commissioni, in base al voto di diploma degli iscritti ai test.

Una vera e propria lotteria che, inoltre, diventa sempre più costosa: secondo l’Udu (Unione degli universitari), infatti, gli atenei italiani hanno aumentato le tasse d’iscrizione ai test del 25% rispetto agli scorsi anni, passando da una media di 44 euro a 56.

Difficilissimo e costoso, allora, in particolare all’Università di Genova, dove il bollettino è passato da 35 a 50 euro, o a Messina, da 45 a 90 euro, mentre alla Federico II di Napoli, tentare la sorte e sostenere il test costa la cifra record di 100 euro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il cervello del feto apprende già prima della nascita

Next Article

Sesso in classe. Le ragazze difendono il professore: "Era il migliore"

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.