Test d'ingresso a Medicina: “Io positiva al Covid non posso farlo: qual è la mia colpa?”

Marta, come tanti altri ragazzi e ragazze, non potrà sostenere il test d’accesso alla facoltà di Medicina perché positiva al coronavirus. Ma è giusto escludere chi è “colpevole” di essersi ammalato? “Ho sempre voluto aiutare gli altri, chiediamo al governo una soluzione per non farci perdere un anno“

“Ci tenevo un sacco a fare il test per l’accesso a Medicina quest’anno e invece non posso perché sono positiva al coronavirus”. La storia di Marta (il nome è di fantasia) è la stessa purtroppo di decine di ragazze e ragazzi che avrebbero voluto sostenere il test d’ingresso all’università domani 3 settembre ma che si sono visti negare questa possibilità da un problema di cui non hanno colpe: hanno contratto il coronavirus.

“Io sono in quarantena dal 14 agosto perché sono risultata positiva al tampone”, racconta Marta a Iene.it. Una scelta di responsabilità la sua, perché ha deciso di sottoporsi al test volontariamente essendo stata in vacanza come migliaia e migliaia di suoi coetanei: “Purtroppo non mi sono ancora negativizzata, e giustamente devo rispettare la quarantena”. Una quarantena che però la sta privando del suo sogno: “I test sono domani, e io non li potrò fare come tanti altri ragazzi. Ho sempre voluto aiutare gli altri, adesso la pandemia rischia di impedirmelo”.

Mancano meno di 24 ore ai test e la soluzione non sembra essere all’orizzonte: “Il ministro ha detto che per ora siamo esclusi, che forse più avanti ci farà sapere ma è una situazione giuridica complessa e non c’è alcuna sicurezza di poter riprovare più avanti”. Marta, come detto, non è certo la sola a trovarsi in questa situazione: “Il ministero ha detto che non sanno quanti siamo a essere di fatto esclusi perché ci troviamo in quarantena. Già decine di ragazzi hanno scritto per chiedere di trovare una soluzione”. 

Una soluzione che sarebbe dovuta, visto che non è certo colpa di questi ragazzi se sono stati contagiati: “Ci sono anche persone che stanno in quarantena per qualche familiare e magari sono negativi, ma non potranno comunque partecipare”. Per Marta essere esclusa sarebbe davvero dura: “Non è la prima volta che provo il test, quest’anno ero parecchio determinata a realizzare il mio sogno ma purtroppo mi sono trovata in questa situazione”. Secondo quanto scrive Il Sole 24 Ore, non ci sarà però nessuna sessione straordinaria: il problema sono i possibili ricorsi, che rallenterebbero il processo di selezione. 

A chi potrebbe risolvere la situazione, il premier Conte e i ministri Speranza e Manfredi, Marta ha solo una richiesta da fare: “Per favore, trovate un modo per farci fare i test e non farci perdere un anno”.  E noi ci uniamo a lei nel chiedere alla politica una soluzione: è giusto punire due volte queste ragazze e ragazzi, “colpevoli” solo di essere stati toccati da questa pandemia?

leiene

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'allarme dei sindacati: "oltre 50mila cattedre senza insegnanti". E in migliaia chiedono l’esonero

Next Article

Test Medicina al via, un posto ogni 5 candidati

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".