Test Medicina al via, un posto ogni 5 candidati

Sono 66mila gli studenti che sognano di indossare il camice bianco ma solo uno su cinque potrà entrare. “In questi tempi di pandemia, occhi puntati su presunte irregolarità allo svolgimento del test d’ingresso a medicina. Già nelle scorse edizioni – denuncia Consulcesi, il network legale dei professionisti sanitari – abbiamo calcolato circa 18mila potenziali ricorsi degli studenti, cifra che potrebbe aumentare a fronte della confusione generata quest’anno a causa delle novità introdotte con le regole anti Covid”.

“Saremo presenti con i nostri consulenti legali in tutte le università italiane al fianco degli aspiranti medici – aggiunge Consulcesi – Sarà utile a vigilare su sicurezza e irregolarità”. All’Università Sapienza di Roma, Consulcesi ha organizzato un flashmob con supereroi in camice bianco. Con lo slogan ‘Ogni medico è un supereroe’ i cosplayer faranno i ‘salti mortali’ per entrare a medicina e accorreranno in aiuto dei camici bianchi per distribuire kit di sicurezza anti Covid-19 (con mascherina e gel igienizzante) agli aspiranti medici.

“Mettiamo in campo le nostre risorse e tutto il nostro impegno perché la Laurea alla Facoltà di Medicina rimanga, come sempre, un traguardo d’eccellenza nell’esperienza curricolare dei giovani medici. Colgo l’occasione per fare un grande in bocca al lupo a questi ragazzi in questo momento non facile per tutti”, evidenzia Massimo Tortorella, presidente Consulcesi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test d'ingresso a Medicina: “Io positiva al Covid non posso farlo: qual è la mia colpa?”

Next Article

Test Medicina, proteste a La Sapienza

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.