Medicina, si prova in tutta Italia

Accompagnati da mamma o da papà o da entrambi i genitori, ma solo se “fuorisede”. Muniti di trolley e di Alphatest appaiono comunque sereni e un po’ rassegnati, consapevoli che il prossimo anno forse toccherà ripetere il rito.

Accompagnati da mamma o da papà o da entrambi i genitori, ma solo se “fuorisede”. Muniti di trolley e di Alphatest appaiono comunque sereni e un po’ rassegnati, consapevoli che il prossimo anno forse toccherà ripetere il rito. Non per tutti è la prima volta, anzi non sono in pochi i veterani che ormai ci hanno quasi “fatto il callo”. Oggi provano per entrare a Medicina e Chirurgia, domani invece convergeranno in molti verso Odontoiatria. Ogni porta infatti deve essere lasciata aperta.
Sapienza – Roma. Alla Sapienza sono divisi per data di nascita, ogni aula corrisponde ad un periodo temporale. Alla Facoltà di Lettere e Filosofia ad esempio sono stati riuniti tutti i nati tra febbraio –aprile 1989. Alle 9 e 17 sono ancora in fila, in attesa di entrare, mentre genitori e amici sono già seduti fuori nell’atrio generale. Arrivano le prime indicazioni: niente telefonini e obbligo di rimanere in aula fino alle 12 e 30. Poi dopo le 13 tutti dovranno consegnare il compito.
Durante l’attesa solo in pochi si confrontano tra di loro. La maggior parte preferisce concentrarsi su i propri libri. C’è chi racconta di voler provare in molte altre città e facoltà. Tra i settori più gettonati quello di scienze infermieristiche. “ Un modo per continuare a prepararsi ai test tutto l’anno e non allontanarsi troppo dalle materie studiate a Medicina”, ci confida una ragazza arrivata da Napoli e già alla sua seconda volta. E tra i “ripetenti” c’è chi ha già messo in lista una serie di città dove andare a provare: Milano, Latina, Cassino e Sassari. “Quest’anno – ci raccontano in molti – le proveremo tutte. Biologia, veterinaria, odontoiatria…”.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Medicina: via ai test

Next Article

Test di medicina: prime impressioni

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.