Medicina: via ai test

Alle 11.00 in tutta Italia il via ai test d’ingresso per l’accesso alla Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Tra poche ore migliaia di neo diplomati siederanno tremanti tra i banchi delle università italiane per sostenere il temuto e super discusso test d’accesso alla Facoltà di Medicina e Chirurgia.
Nella sola Federico II di Napoli sono ben 3.739 gli aspiranti camici bianchi per i 358 posti messi a disposizione quest’anno dal Ministero. Un aumento di domande quasi superiore del 40% rispetto allo scorso anno, un incremento mai verificatosi sino ad oggi. Eppure, nonostante questa enorme affluenza, le polemiche non mancano! Molti si lamentano delle modalità selettive di questa prova che altro non è che un quiz. Senza presentatore ma pur sempre un quiz.
80 domande: 40 di logica e cultura generale, 18 di biologia, 11 di chimica e ulteriori 11 quesiti tra matematica e fisica. Non un colloquio, non una chiacchierata per verificare la predisposizione e la passione con cui il candidato interagirebbe con i pazienti. Il medico oltre ad essere un professionista è un essere umano che nel corso della carriera ha a che fare con persone purtroppo meno fortunate. Se non si affronta anche questo tema nelle selezioni dei candidati come si pensa di poter preparare un buon medico amato dai suoi pazienti? Ma è evidente che nella nostra penisola basta sapere in quale regione si trova il Monte Cocuzzo per usare il bisturi. Sempre per non parlare di chi pensa al dolce fato degli “eletti”: i famosi figli, nipoti, fratelli di…
Da anni si parla di modificare il criterio di selezione eppure le cose ancora non sono cambiate: il sogno di una vita giocato in due ore e senza aprir bocca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test medicina: Cgil,unica graduatoria nazionale

Next Article

Medicina, si prova in tutta Italia

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.