Test d’ammissione truccati: 26 rinviati a giudizio. Coinvolte le Università di Napoli, Bari, Foggia e Verona

test d'ammissione truccati

Test d’ammissione truccati all’Università – Sono 26 le persone rinviate a giudizio dal gup del Tribunale di Bari, Michele Parisi, al termine dell’udienza preliminare svoltasi oggi sulle presunte “alterazioni” durante le prove di Professioni Sanitarie.

I fatti risalgono agli anni 2008-09 e coinvolgono le Università di Bari, Napoli, Foggia e Verona. A finire sotto la lente del giudice sono i test d’ammissione alle Facoltà di Odontoiatria e Protesi Dentaria.

Gli imputati sono accusati, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai danni della pubblica amministrazione.

Accolte, invece, quattro richieste di patteggiamento arrivate da parte di aspiranti matricole. Il processo comincerà il prossimo sei marzo.

Tra gli imputati ci sono il professore Felice Roberto Grassi, all’epoca direttore del dipartimento di Odontostomatologia dell’Ateneo barese, Andrea Ballini, tecnico informatico dell’Universita’, Francesco Miglionico, odontotecnico all’epoca dei fatti assessore comunale alle Attivita’ produttive del Comune di Altamura. I tre furono arrestati nel luglio 2012 al termine di un’operazione della Guardia di Finanza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Cosenza - Quattro arresti per spaccio: tra gli acquirenti molti studenti e dipendenti dell'Ateneo

Next Article

Università Telematiche, ecco il rapporto del MIUR: "Numerose criticità, serve intervenire"

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".