Terremoto centro Italia, Ikea dona scuola ecosostenibile

Da ieri i ragazzi di Crognaleto hanno una nuova scuola in perfetto stile svedese nel Parco Nazionale del Gran Sasso. Il complesso è stato donato da Ikea al comune teramano dopo il terremoto che ha colpito il centro Italia la scorsa estate. In legno, ecosostenibile, la struttura consta di una scuola d’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, ed è pronta ad accogliere 60 studenti. Al taglio del nastro presente anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi. L’edificio, una struttura in legno lamellare certificato prodotta dalla società Subissati, azienda del territorio leader in Italia nella costruzione di case in legno, è classificata A4 Energia quasi Zero. Inoltre, la prestazione sismica classe IV permette di inquadrare la scuola tra gli edifici punto di riferimento in caso di emergenza. 
La ripresa delle attività scolastiche rappresenta un importante segnale per la popolazione delle aree colpite dal sisma del 24 agosto. Per questo tra i primi interventi messi in campo è stata data particolare attenzione agli edifici scolastici: su 2.203 sopralluoghi fatti dalla Protezione Civile è risultato inagibile il 6% dei complessi, mentre il 28% sono stati classificati a parziale o temporanea inagibilità. L’impegno di Ikea proseguirà nei prossimi mesi con altri due interventi: il primo a supporto della costruzione di 12 unità abitative a Bolognola, mentre il secondo  nell’arredamento di 14 appartamenti a Civitanova Marche per gli sfollati dell’interno spostati sulla costa. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Laurea a Papa Francesco: la polemica non si placa

Next Article

Gran Prix Bogotà 2017

Related Posts
Leggi di più

Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre: il dato arriva da una ricerca effettuata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti. Il sottosegretario Sileri: "Sulle quarantene aspettiamo il Cts".