Teenager, seno rifatto e sesso a 16 anni

cristinadelbasso.jpgSpesso è il regalo per la promozione a fine anno scolastico. Qualche volta quello per i 18 anni. Un seno tutto nuovo e dalla taglia mozzafiato è diventato una moda soprattutto tra le giovanissime. Lo ha confermato Giulio Basoccu, chirurgo estetico e docente all’Università Sapienza di Roma, che ha commentato con favore, all’Adnkronos Salute, l’annuncio di prossime linee guida ministeriali per impedire i ritocchi al seno alle “under 18”.

“È vero – ha affermato il docente – negli ultimi anni si è drammaticamente abbassata l’età delle pazienti che chiedono di rifarsi il seno. Tanto che non sono infrequenti i casi di bambine di 15-16 e 17 anni che si presentano nei nostri studi, magari accompagnate dalle mamme, per aumentare la taglia di reggiseno. Non è solo una questione di sviluppo della ghiandola mammaria – ha continuato lo specialista – ma in ballo c’è anche la capacità della paziente di assorbire un cambiamento fisico notevole, di adattarsi al seno ritoccato. Una capacità che a volte non c’è nemmeno a 20-25 anni. Spetta allo specialista valutare, caso per caso, le richieste delle pazienti. E dire di no. Tenendo conto anche di desideri e aspettative, che non devono essere irrealistici o portare a risultati sproporzionati, che possono ‘segnare’ il fisico”.

Proprio nel clou del Grande Fratello che fa record di ascolti grazie alla maggiorata Cristina, arriva un monito che cerca di proteggere le donne più giovani. Anche perché quello che si vede in tv in questi giorni è “un paradigma dell’inopportunità – ha spiegato Basoccu – : protesi troppo grandi hanno portato a un lavoro sproporzionato, che fa pensare al seno come a un giocattolo. Si tratta di un cattivo modello”.

Ma c’è anche un’altra notizia che riguarda gli adolescenti: “hanno anticipato l’età della prima esperienza sessuale e i tre quarti dei rapporti tra i giovani non sono protetti”. È quanto affermato Gian Benedetto Melis, direttore della clinica ginecologica-ostetrica dell’Università di Cagliari, durante la presentazione di un’indagine condotta a livello europeo sulle abitudini delle donne in materia di concepimento. “Ora la prima esperienza sessuale – ha detto Melis – avviene in epoca molto più precoce: sia per i maschi che per le femmine l’età media del primo rapporto è di 16 anni e le adolescenti di conseguenza sono meno preparate che in passato”. Inoltre, ha precisato Melis, “solo un adolescente su quattro ha idea di come fare ad evitare una gravidanza, e solo un rapporto su quattro è protetto. Se andiamo a vedere la situazione di 20 anni fa, sotto questo punto di vista, non ci sono stati grandi miglioramenti”.

Total
0
Shares
4 comments
  1. Innanzi tutto credo che a 16 anni si abbia una maturità tale da permettere di affrontare un atto sessuale.. in secondo luogo credo profondamente che il sesso non sia un dato statistico e, di conseguenza, un atto naturale che ogni essere umano compie quando si sente preparato per affrontare un passo del genere.
    A 16 anni una persona si sta avviando verso la maggiore età, e di conseguenza, la reputo abbastanza cresciuta per fare ciò che vuole, senza subire ingiusti giudizi da parte di persone sconosciute o meno.
    Personalmente difendo tutti i giovani poichè anche io sono una di loro.
    Non credo, inoltre che sia corretto pubblicare un sito in cui si dice a che età si deve fare sesso.
    Ognuno, a prescindere dall’età, compie le azioni che più gli piacciono, assumendosi i rischi ed essendo consci delle proprie azioni.
    Inoltre, aggiungo che si sta parlando di giovani donne e/o uomini di 16 anni, non di 10.. Concludo con una frase semplice e secca: Fate l’amore, non fate sesso..e fatelo quanto più vi piace, senza dobver guardare in faccia nessuno.

  2. In italietta, un minore è “proprietà privata”, un handicappato, un oggetto, e poi si pretende di responsabilizzare i giovani! ma come, se non si permette loro di sbagliare quanto prima? Pensate a tutto ciò che può fare un “minore” in altri Paesi civili! andate a vedere!!! qui, se un genitore non vuole far operare il figlio, per ripicca, nonostante ci sia un motivo serio, questi deve rivolgersi al tribunale dei minori e avviare così un iter burocratico enorme, con una rilevante speculazione da parte degli assistenti sociali! che basterebbe? Consenso informato a 16 anni, come propose l’allora ds, ora pd, ma che poi si è mangiato quello che aveva promesso!!!
    P.S qui, persino se un ragazzino, poverino, vuole iscriversi in palestra, deve avere il permesso del “maggiorenne”. Ciò che è grave, è che nessuno agisce, nemmeno che leggerà il mio commento!

  3. Hai ragione Stefano, i minorenni qui in Italia non possono decidere niente.
    E poi, non mi sembra così scandaloso farlo a 16 anni(ci sono bambine di 11 anni che già vanno in giro vantandosi di aver fatto sesso).
    Ed è normale che ha 16 anni una ragazza si voglia piacere.
    Andiamo, se non ci si piace a questa età.
    In America ha 16 anni già si guida e si è indipendenti, qui sei ancora un bambino.
    Non capisco, anche perchè conosco ragazzi/e di 18 anni che hanno la mentalità come i bambini di 10.

  4. RAGAZZI:
    siete degli sciagurati!!!!!!!!!
    se vostra madre si fosse rifatta il seno, voi ora non sareste al mondo!
    RAGAZZE:
    vi fate del male a quell’età..
    io nn lo farò mai, ma nn xk nn mi piaccia.. ..è k ho 19 anni e un seno k è una favola..
    basta aspettare 3 anni.. xD
    bacione..

Lascia un commento
Previous Article

Question time, Gelmini alla Camera

Next Article

Omicidio Verbano, faldone "sparito"

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.