Tecnici industriali, i primi a trovare lavoro

plastici_industriali_001.pngIl mercato li premia e loro, i periti tecnici industriali, vanno sul podio a dimostrazione di quanto la loro figura sia importante e valorizzata nelle organizzazioni produttive. A sfornarli, sempre in quantità superiore, è l’ITI ovvero Istituto tecnico industriale, salito agli onori della cronaca dopo l’ultima ricerca siglata Censis 2009.
Secondo l’istituto di ricerca i primi a trovare lavoro dopo la maturità sarebbero i diplomati degli istituti tecnici industriali. Sembra, infatti non esserci più dubbio che la formazione acquisita presso gli ITI offra allo studente una qualificazione apprezzata più di quella di altre scuole. Difficile, infatti, poter competere con queste cifre: circa il 65, 8% dei diplomati ITI – sostiene il Censis – è occupato, mentre il 22,9% studia all’università e il 38,6% vince l’appeal della libera professione. A quattro anni dal diploma, inoltre, i ragazzi “tecnici” svolgono un lavoro prevalentemente di tipo continuativo (87,8%) e il restante 12,2% è impegnato in un lavoro occasionale.
Indicazioni che testimoniano un ritorno di centralità della competenza tecnica nel mondo del lavoro. L’indagine Censis evidenzia anche un orientamento alla libera professione molto significativo. Il 38,6% degli studenti che dopo il diploma intendono cercare un lavoro vuole esercitare la libera professione, nonostante pochissimi (solo il 3%) siano figli di periti già affermati e nonostante le riserve che una gran parte di essi hanno espresso nei confronti della capacità della scuola secondaria di prepararli per questo sbocco lavorativo.
Anche sul piano economico i diplomati ITI non possono lamentarsi: 1.023 euro in media per il perito contro le 1.414 euro per l’ingegnere. Un divario non certamente enorme a dimostrazione di quanto la figura del tecnico intermedio sia importante e valorizzata nelle organizzazioni produttive.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Educazione Civica 2.0, tutto in 33 ore

Next Article

Provincia di Perugia, un piano per l'università

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.