Tagli all’istruzione, in Usa scuola all’asta su Ebay

La crisi economica non ha colpito solo l’Italia. Purtroppo la carenza di fondi sono un problema che riguarda tutto il pianeta. E i tagli arrivano puntualmente in ogni settore che riguarda il pubblico e la collettività. Vi raccontiamo una storia triste che, per una volta, non proviene dal Belpaese ma direttamente dagli Usa.

Incredibile storia. Una scuola superiore in Philadelfia si è messa all’asta su eBay. Il Learning Center di Langhorne, Pennsylvania, ha stabilito una base d’asta di 600.000 dollari, cifra necessaria per sopravvivere ai forti tagli subiti dall’istituto per ragazzi definiti “a rischio”. Il vincitore non entrerà in possesso della scuola, che fa parte del distretto scolastico di Neshaminy, ma riceverà alcuni benefici fra cui quello di cambiare il nome alla scuola. Inoltre, riceverà anche una pizza extra-large, una tazza della scuola personalizzata e la possibilità di tenere un discorso alla cerimonia di consegna dei diplomi, oltre alla soddisfazione “di fornire istruzione a un gruppo di ragazzi che ne potranno fare un buon uso”, si legge nell’annuncio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur, primo convegno sull’apprendimento permanente

Next Article

Russia, studenti costretti ad una prova d'esame per 23 ore di fila

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.