Studenti federiciani in Abruzzo

“Studenti federiciani in Abruzzo: approccio tecnico, economico, organizzativo all’emergenza”, il progetto diretto al supporto dei terremotati d’Abruzzo dopo la tragedia dello scorso 6 aprile 2009.

Parte questa mattina “Studenti federiciani in Abruzzo: approccio tecnico, economico, organizzativo all’emergenza“, il programma progetto diretto al supporto dei terremotati d’Abruzzo dopo la tragedia dello scorso 6 aprile 2009.
Quest’anno l’Associazione degli studenti “Apotema” presieduta da Vittorio Piccolo ha organizzato in collaborazione con la Federico II di Napoli ed in particolare con il dipartimento di Ingegneria strutturale (DIST), ha organizza una visita in Abruzzo, nei luoghi interessati dall’evento sismico.
I partecipanti, accompagnati dai docenti universitari già coinvolti nella fase della ricostruzione e dal personale della Protezione Civile e delle Istituzioni, studieranno i danni causati dall’evento sismico e dall’inosservanza delle norme tecniche ed amministrative. L’arrivo a l’Aquila è previsto per le ore 11.00.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

OrientaSud: professioni emergenti e formazione

Next Article

AU, cartellino per i docenti

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".