Stipendi da ricconi. Patroni Griffi: 18 manager hanno sforato il tetto

Ancora 18 i manager pubblici tra le stelle nonostante il decreto Salva-Italia. Stipendi che superano i 294mila euro sono emersi dopo un controllo su 37 amministrazioni pubbliche. “Finalmente cominciamo ad avere dati certi – ha spiegato il Ministro Patroni Griffi – ci hanno risposto 37 amministrazioni pubbliche su circa 80, tra cui ci sono anche 15 enti parco, qualcuno non ci ha risposto ma si tratta di piccoli enti in cui noi non ci poniamo neanche il problema dello scostamento”.

Ancora 18 i manager pubblici tra le stelle nonostante il decreto Salva-Italia. Stipendi che superano i 294mila euro sono emersi dopo un controllo su 37 amministrazioni pubbliche. “Finalmente cominciamo ad avere dati certi – ha spiegato il Ministro Patroni Griffi – ci hanno risposto 37 amministrazioni pubbliche su circa 80, tra cui ci sono anche 15 enti parco, qualcuno non ci ha risposto ma si tratta di piccoli enti in cui noi non ci poniamo neanche il problema dello scostamento”.

Nelle 37 amministrazioni che hanno risposto “ci sono 18 manager che hanno sforato il tetto. Alcune amministrazioni hanno segnalato di non aver nessun superamento, altre invece ne hanno segnalato più di uno da parte dei vertici, del resto alcuni erano già noti, non abbiamo grandi sorprese – ha continuato il ministro – tra questi ci sono sforamenti di 10 mila euro e altri di 90/100mila euro. Per fine mese magari riusciremo a dare i dati complessivi”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Da studentessa a prostituta dei suoi stessi professori

Next Article

Ocse, l'Italia può portare avanti la green economy

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".