#Staycremoso, arriva un'onda di positività per gli studenti universitari napoletani

Martedì 28 gennaio#Staycremoso (la rivoluzione quotidiana firmata Philadelphia) approderà in tre delle principali università di Napoli per alleggerire la giornata a chi sta per affrontare l’ennesima sessione d’esame.
A partire dalle ore 13, alcuni ballerini si esibiranno a sorpresa davanti all’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” con una coreografia spettacolare che porterà un’esplosione di colore e positività: il risultato finale sarà la trasformazione della scritta “Esame difficoltoso?” in “#Staycremoso” grazie all’ausilio di speciali cartoncini.
Dopo L’Orientale, i ballerini si esibiranno anche davanti all’Accademia di Belle Arti di Napoli e all’Università degli Studi di Napoli Parthenope portando il loro entusiasmo anche tra i più sfiduciati studenti.
Per tutti i presenti tanti speciali gadget e assaggi Philadelphia per non dimenticare che l’amore e la positività sono i principali ingredienti.

Philadelphia lancia l’iniziativa #Staycremoso. Campagna multicanale a supporto
La campagna dal 20 gennaio al 29 marzo vedrà coinvolti i principali siti di informazione, le piattaforme Waze e Spotify nonché Instagram e Facebook, tramite l’attivazione di influencer
Philadelphia lancia, in occasione del Blue Monday, #Staycremoso, un’attivazione a 360 gradi ideata da YAM112003. Declinata in un calendario di appuntamenti su tutto il territorio nazionale, l’iniziativa comprende flashmob, incontri con persone dello spettacolo e eventi presso i punti vendita, oltre ad un sito dedicato e un concorso che sarà svelato nei prossimi mesi.
A supporto, anche una campagna multicanale che dal 20 gennaio al 29 marzo vedrà coinvolti i principali siti di informazione, le piattaforme Waze e Spotify nonché Instagram e Facebook, tramite l’attivazione di noti influencer in linea con il mood “cremoso” di Philadelphia.
Per il lancio ufficiale di #Staycremoso, il marchio di Mondelez ha scelto Milano. In occasione del Blue Monday, Piazza Gae Aulenti è diventata il punto di incontro per coloro che quotidianamente scelgono di abbracciare la “cremosità” in tutte le sue forme e di affrontare con il sorriso anche la giornata più triste dell’anno, spiega la nota stampa. La celebre piazza milanese ha infatti ospitato due flashmob che hanno visto 77 performer eseguire la coreografia ideata da Nikos Lagousakos, coreografo e regista di fama internazionale. Tra le produzioni più importanti a cui ha lavorato ci sono le cerimonie di apertura di chiusura delle Olimpiadi di Atene 2004, delle Olimpiadi invernali di Torino del 2006 e dei Giochi Panamericani a Lima, in Perù, del 2019, di cui è stato Direttore Creativo.
Il risultato finale dell’esibizione è stata la trasformazione della scritta BlueMonday in #Staycremoso grazie all’ausilio di speciali cartoncini: un’esplosione di colore per affrontare con una carica di positività questa giornata invernale.
Presenti in Piazza Gae Aulenti per chiamare a raccolta tutti i cremosi anche La Pina e La Vale. Per tutti i partecipanti è stato inoltre predisposto anche uno speciale stand con postazione selfie e gift corner #Staycremoso.
La giornata milanese è stata solo il primo di una serie di appuntamenti che vedranno coinvolte numerose città su tutto il territorio italiano. Napoli, Sanremo, Torino e Roma saranno le prossime tappe di questa iniziativa.
Infine, a marzo #Staycremoso sbarcherà nelle stazioni ferroviarie di Milano Centrale e Roma Termini con una declinazione su misura, grazie alla quale le persone in partenza o in arrivo potranno salutare “in grande” i propri cari, proiettando sugli schermi delle stazioni i propri selfie attraverso una IGstory.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Esami universitari: le tecniche creative per memorizzare

Next Article

Villamassargia, scuola innovativa

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.