STATalEACASA ma in forma, l’iniziativa dell’Università Statale di Milano

STATalEACASA ma in forma. L’Università Statale di Milano si mobilita per convincere gli sportivi ad allenarsi a casa mentre i governatori di Lombardia e Veneto chiedono da giorni al governo misure ancora più restrittive a fronte di una parte della popolazione che continua a muoversi in giro con le scuse più disparate, a cominciare proprio dalla necessità di fare attività fisica all’aperto.

Anche per questo motivo potrebbe arrivare presto un’ulteriore stretta sulle passeggiate e le corse all’aperto, come anticipato nei giorni scorsi dal ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora.

Chi ha davvero la necessità di fare attività fisica dovrà cercare, almeno per le prossime settimane, di ridurre al minimo le uscite e bilanciare l’allenamento con attività di fare in casa, come suggerito ai microfoni di Radio Popolare da Antonio La Torre, direttore tecnico della Federazione Italiana di Atletica Leggera e docente di Metodi e Didattiche della attività sportive e delegato allo sport dell’Università Statale di Milano:

I runner possono benissimo alternare la corsa con degli esercizi fatti in casa. Noi come università abbiamo lanciato un’iniziativa per produrre dei video-tutorial molto ben strutturati e diffondersi attraverso i social network, così che tutti, inclusi gli ascoltatori di Radio Popolare, potranno fare esercizio comodamente da casa.
Ai runner consiglio di limitare la corsa a due uscite settimanali per questo periodo: sono più che sufficienti e per il resto ci si può allenare in casa con esercizi sul posto.

L’iniziativa lanciata dalla Statale di Milano, STATalEACASA ma in forma, consiste proprio nell’incentivare l’attività fisica in casa durante questo periodo di isolamento. Il professor La Torre si è arrivato subito dopo la chiusura dell’Università, coinvolgendo gli studenti di scienze motorie nella realizzazione di brevi video tutorial in cui illustrare esercizi fisici alla portata di tutti.

Il risultato dell’appello lanciato da La Torre ai suoi studenti è disponibile sui canali social dell’Università Statale di Milano: YouTubeFacebook e Instagram.

E se da un lato si vogliono incentivare i cittadini a rimanere a casa e tenersi in forma, dall’altro la Statale di Milano sta portando avanti una ricerca per capire come l’infezione da coronavirus COVID-19 abbia influenzato gli stili di vita delle persone, soprattutto in riferimento all’attività fisica.

Se volete contribuire alla ricerca è sufficiente compilare un breve questionario in forma anonima che darà modo di aiutare a capire come possono essere sfruttate le potenziali residue, fisiche e psicologiche, in situazioni emergenziali come quella che stiamo vivendo in queste settimane.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, 8,2 milioni per potenziare la didattica a distanza attraverso gli animatori digitali

Next Article

Concorso straordinario per medici ed infermieri militari

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".