Stagista morto a Londra. Parla il professore: “Cambiare subito le regole”

stagista

E giunta ieri da Londra la notizia della morte di Moritz Erhardt, stagista tedesco presso gli uffici londinesi della Bank of America che aveva lavorato per 21 ore di fila per tre giorni consecutivi, dalle 9 alle sei di mattina, bevendo caffè a ripetizione per stare sveglio.

Commentando la notizia, Andre Spicer, Professore di finanza della Cass Business School di Londra, spiega la cultura delle “extreme hours” delle banche d’affari:

“Le nottate di lavoro sono un rito di passaggio che mostra a che punto uno stagista sia disposto a spingersi oltre ogni limite ragionevole al lavoro. Gli stagisti vogliono emulare individui quasi eroici che lavorano giorno e notte per lunghi periodi”.

 “La tragica morte di uno stagista presso l’ufficio di Londra della Bank of America ha messo in luce la cultura delle ore lavorative estreme nel mondo delle banche d’affari, definita “extreme hours culture”. Passare la quasi totalità della propria giornata in ufficio è un fenomeno che serve soprattutto a dimostrare il proprio impegno, e non tanto a occuparsi concretamente di dossier e compiti pratici.

Lavorare tante ore è una pratica normale in molte grosse compagnie, ma spesso questa pratica viene esasperata dagli stagisti stessi, che vogliono emulare individui quasi eroici che lavorano giorno e notte per lunghi periodi.

 Le grosse società dovrebbero chiedersi quanto in realtà sia produttivo e sano lavorare troppe ore. Se le imprese di grandi dimensioni vogliono dare un’immagine sostenibile e attraente ai propri collaboratori, bisogna assolutamente che lavorino su questa cultura delle ore estreme”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Papa Francesco indovina le origini napoletane di una studentessa giapponese

Next Article

Classifiche Università, parla il rettore Frati: "La Sapienza non ne esce male. Non paghiamo i valutatori"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.