Concorso scuola, piano per stabilizzare 50mila precari

A settembre corrisponderanno ad altrettanti vuoti d’organico, ci avviciniamo a quota 90mila

Il record di 200mila supplenti di settembre 2020 non può ripetersi a settembre 2021. È l’impegno che il premier Mario Draghi ha chiesto al ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, considerando anche che lo scorso anno le ultime supplenze sono state assegnate (sul sostegno, ma non solo) a dicembre inoltrato con molte scuole di nuovo in Dad. Per scongiurare un nuovo attacco di “supplentite” si sta lavorando a un maxi-piano per stabilizzare 50mila precari. Se non 60mila, come confermano anche fonti sindacali.

Il punto di partenza è il trend delle assunzioni degli ultimi anni: complice la mancanza di aspiranti prof nelle graduatorie a esaurimento (Gae) del Nord, su 84.808 autorizzate ne sono andate in porto appena 25mila. Per evitare il bis, a Viale Trastevere si sono già messi al lavoro e a metà marzo hanno definito l’organico docente: 620.623 cattedre comuni, 106.170 di sostegno, e 14.142 adeguamenti alle situazioni “di fatto”. In linea più o meno con l’anno scorso, se si eccettuano i 5mila prof di sostegno e i mille della scuola dell’infanzia in più (e i 650 in meno ai professionali). Dunque, tra posti rimasti vacanti l’anno scorso e nuove esigenze servirebbero oltre 60mila prof. Se al conto aggiungiamo i 27.500 pensionamenti, che a settembre corrisponderanno ad altrettanti vuoti d’organico, ci avviciniamo a quota 90mila. Per questo sarà fondamentale un piano per stabilizzare 50mila precari della scuola.

A oggi l’unico punto fermo è il concorso straordinario semplificato, voluto dall’ex ministra Lucia Azzolina, che dovrebbe portare in cattedra 32mila precari con tre anni di servizio alle spalle. La selezione scritta si è conclusa, si aspetta la definizione dei vincitori. A quel punto, immaginando che diventino tutti di ruolo quest’anno, le esigenze scenderebbero sotto le 60mila unità. Forse a 50mila visto che una quota di ingressi dalle Gae ci sarà anche quest’anno (soprattutto per infanzia e primaria). Considerando che (per ragioni prettamente sanitarie) i restanti due concorsi ordinari da 46mila cattedre sono fermi ai box e che, se anche partissero prima dell’estate, non si concluderebbero comunque in tempo per le assunzioni 2021/22, la soluzione va cercata altrove. Senza dimenticare che c’è da decidere la sorte della mobilità, con diversi partiti di maggioranza, in testa la Lega, che premono per superare il vincolo di permanenza quinquennale. Un meccanismo che, se attivato, porterebbe comunque a riempire dei vuoti e aprirne altri.

In questo quadro per nulla agevole, Istruzione e Palazzo Chigi stanno approfondendo un paio di ipotesi. La prima passerebbe dallo sblocco della mobilità e dall’addio al vincolo dei cinque anni – con 100-130mila insegnanti che ne approfitterebbero per riavvicinarsi a casa – e dall’avvio di un corso-concorso “semplificato” (ma non riservato) e incentrato sui titoli di servizio, per inserire precari storici, magari con un primo anno formativo e l’immissione in ruolo nel 2022/2023. La seconda verterebbe invece sul rinvio di un anno della mobilità e sulla conferma di tutti i precari sui posti attualmente occupati.


Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Ceo di Enel Italia nominato membro esterno del Consiglio di Amministrazione della Sapienza

Next Article

In Italia solo il 16,5% della popolazione universitaria femminile è iscritta alle cosiddette STEM

Related Posts

Crisi. Italiani mammoni per necessità

Quasi un terzo degli italiani, il 31%, abita con la propria mamma . E' questo il dato emerso dal rapporto Coldiretti/Censis “Crisi: vivere insieme, vivere meglio”. Italiani mammoni per necessità, a causa della crisi infatti risulta sempre più difficile abbandonare il nido. Il 42,3% ha la madre che vive ad un massimo di trenta minuti dalla propria abitazione. Anche se non vive insieme, le abitazioni sono sempre più vicine.