Spaser, il laser più piccolo del mondo

spaser.jpgNovità dal microcosmo delle nanotecnologie. È stato costruito il più piccolo laser del mondo che emette luce visibile e promette di portare grandi cambiamenti nell’elettronica e nei microscopi del prossimo futuro. Era stato ideato nel 2003, ma è diventato una realtà solo adesso.
Si chiama «Spaser», è descritto sulla rivista Nature ed è nato negli Stati Uniti, dalla collaborazione fra le Università Purdue, Norfolk e Cornell.
Anziché concentrare la luce, il dispositivo utilizza le particelle generate dall’oscillazione di un plasma di elettroni, chiamate plasmoni. Sono minuscole sfere d’oro rivestite da una sostanza simile al vetro, dal diametro di 44 millesimi di millimetro.
In futuro, dicono gli esperti, potrà portare a sensori e microscopi dieci volte più potenti rispetto a quelli attuali, al punto da riuscire a vedere oggetti piccoli come la molecola del Dna. Potrà portare inoltre a computer molto più veloci, che utilizzano segnali elettronici anziché luminosi e a celle solari, molto più efficienti di quelle attuali.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Palermo, la carica dei 25mila

Next Article

Univaq, 100 lezioni d'eccellenza

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).