Spagna, rissa a Cadice: quattro studenti italiani coinvolti

Quattro ragazzi italiani tra i 22 e i 30 anni sono stati arrestati in Spagna dopo una rissa, finita con il pestaggio di un giovane spagnolo, ora ricoverato in gravi condizioni. La notizia è stata diffusa dal Diario de Cadiz, che pubblica anche un video choc con il momento dell’aggressione, avvenuta in una zona della movida di Cadice, cittadina portuale a sud-ovest del Paese: nel filmato (che scegliamo di non mostrare perché particolarmente violento) si vede un ragazzo colpito da un pugno in faccia finire a terra prima di ricevere un calcio in testa che lo lascia incosciente.
E’ successo all’alba di oggi – spiega il sito spagnolo – quando in un noto locale è scoppiata una lite fra gli italiani, studenti Erasmus, e un gruppo di spagnoli, di cui faceva parte anche il ragazzo ferito. I toni sono cresciuti finché si è finiti alle mani. La polizia locale ha portato in questura gli italiani, considerati i presunti responsabili della rissa – di cui ancora non si conoscono le cause – continuata poi all’esterno del locale e degenerata.  Tra loro Nicola Iannetta, di 21 anni di Salerno, Dario Bordoni di 25 anni e Luca Maicon Vinicius Bellavia, di 22 anni, Emilio Di Puorto, 29 anni di Napoli. Quest’ultimo è il maggior sospettato, ancora in stato di fermo. Gli altri studenti sono stati scarcerati in mattinata.
La vittima è sedata all’ospedale di Puerta del Mar: si ignora ancora l’entità delle lesioni. La prognosi è riservata e bisognerà aspettare le prossime 48 ore per capire se potrà riprendersi completamente.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Prof sospesa ritorna in classe: "Felice di essere tra i miei ragazzi"

Next Article

Maturità, mancano poche ore all'annuncio dei commissari esterni

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".