Spagna, rissa a Cadice: quattro studenti italiani coinvolti

Quattro ragazzi italiani tra i 22 e i 30 anni sono stati arrestati in Spagna dopo una rissa, finita con il pestaggio di un giovane spagnolo, ora ricoverato in gravi condizioni. La notizia è stata diffusa dal Diario de Cadiz, che pubblica anche un video choc con il momento dell’aggressione, avvenuta in una zona della movida di Cadice, cittadina portuale a sud-ovest del Paese: nel filmato (che scegliamo di non mostrare perché particolarmente violento) si vede un ragazzo colpito da un pugno in faccia finire a terra prima di ricevere un calcio in testa che lo lascia incosciente.
E’ successo all’alba di oggi – spiega il sito spagnolo – quando in un noto locale è scoppiata una lite fra gli italiani, studenti Erasmus, e un gruppo di spagnoli, di cui faceva parte anche il ragazzo ferito. I toni sono cresciuti finché si è finiti alle mani. La polizia locale ha portato in questura gli italiani, considerati i presunti responsabili della rissa – di cui ancora non si conoscono le cause – continuata poi all’esterno del locale e degenerata.  Tra loro Nicola Iannetta, di 21 anni di Salerno, Dario Bordoni di 25 anni e Luca Maicon Vinicius Bellavia, di 22 anni, Emilio Di Puorto, 29 anni di Napoli. Quest’ultimo è il maggior sospettato, ancora in stato di fermo. Gli altri studenti sono stati scarcerati in mattinata.
La vittima è sedata all’ospedale di Puerta del Mar: si ignora ancora l’entità delle lesioni. La prognosi è riservata e bisognerà aspettare le prossime 48 ore per capire se potrà riprendersi completamente.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Prof sospesa ritorna in classe: "Felice di essere tra i miei ragazzi"

Next Article

Maturità, mancano poche ore all'annuncio dei commissari esterni

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.