Maturità, mancano poche ore all'annuncio dei commissari esterni

Siamo agli sgoccioli di questa nuova Maturità. Gli studenti, dopo aver affrontato le varie simuazioni, aspettano sempre con una punta d’ansia i commissari esterni, quei prof insomma che arrivano “da fuori” e non sono avvezzi agli andamenti della classe e non conoscono personalmente ogni maturando. Ma gli studenti, solitamente, conoscono loro. Ogni generazione infatti ha sempre cercato di reperire, come novelli Sherlock Holmes, tutte le informazioni possibili che li autassero a decifrare i nuovi esaminatori.
Come trovarli? Bisogna semplicemente aspettare. Sarà il Ministero ad annunciare, come ogni anno, le liste per ogni istituto, poi semplicemente visibili sul sito del Miur dedicato all’Esame di Stato. Cliccando sul link avrai modo di cercare la commissione facendo una ricerca ad hoc sulla tua città e sulla tua scuola.
Ricordiamo comunque che le liste saranno disponibili online solo in un secondo tempo in quanto prima dovranno essere inviate dal Ministero a tutte le segreterie scolastiche che dovranno a loro volta renderle pubbliche e visionabili agli studenti, affiggendole sulle proprie bacheche di istituto.
Trovare i nomi è la cosa più semplice, ma sai cosa viene subito dopo? Ovviamente dopo aver visto i nominativi dei commissari esterni dovrà partire lo stalkeraggio selvaggio! Senza andare troppo nella privacy dei social, dove difficilmente si potrà comprendere il metodo di valutazione di un insegnante, la cosa più immediata ed efficace rimane il passaparola. Bisognerà insomma contattare i loro studeti, vostri colleghi, e sperare siano solidali con voi e con la vostra classe. Tenendo sempre a mente, però, che la ricetta per superare indenni l’esame è sempre quella: studiare, studiare, studiare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Spagna, rissa a Cadice: quattro studenti italiani coinvolti

Next Article

Scuola, il 28 maggio “L’Infinito” di Giacomo Leopardi unisce studenti e cittadini di tutta Italia a 200 anni dalla sua stesura

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident