Errore nelle tracce, via la Petruzzi

ministero_istruzione1.jpgUn provvedimento repentino, dovuto al grande clamore mediatico suscitato dalla gaffe del ministero sulle imprecisioni e l’errata interpretazione nella traccia relativa alla poesia “Ripenso il tuo sorriso” di Eugenio Montale. Il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Mariastella Gelmini ha sostituito nel giro di ventiquattr’ore l’ispettrice di Viale Trastevere Katia Petruzzi, memoria storica della Maturità, presidente della struttura tecnica per gli esami di Stato ormai da qualche decennio.
Al suo posto il ministro ha nominato Luciano Favini, già dirigente tecnico del dicastero. Ma, nei prossimi giorni, come si legge nel comunicato diramato sul sito del ministero: “Per garantire e assicurare la necessaria collegialità e efficienza, Mariastella Gelmini si riserva di affiancare all’ispettore Favini altri due dirigenti tecnici, che nominerà nei prossimi giorni”. Un nuovo team che supervisionerà sulla congruità delle tracce d’esame (e loro relativa interpretazione).
Da parte del ministro, poi, ringraziamenti di rito per l’ispettrice uscente “per aver svolto per tanti anni con grande passione e professionalità la sua funzione, compito che per il corrente anno le era stato assegnato in regime di prorogatio”. La dottoressa Petruzzi, infatti, era già in pensione e – proprio in virtù della sua esperienza – aveva avuto una proroga dell’incarico. Ora lascerà il ministero.
I tempi cambiano e la scuola nel suo insieme deve adeguarsi ai mutamenti anzi, meglio, anticiparli. Per questo – conclude la nota ministeriale – “è necessario e urgente rivedere la procedura per la formulazione delle tracce d’esame, che oggi appare troppo burocratica e inadeguata”.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità, al via la seconda prova

Next Article

Crui, Decleva boccia Tremonti

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside