Sostenibiità di impresa. Premio Socialis

premio-socialis-150x150.jpgIl 2 dicembre a Roma, si è conclusa con un record di patrocini istituzionali e lavori accademici provenienti dagli Atenei di tutta Italia l’edizione 2009 del Premio Socialis, l’unico riconoscimento italiano dedicato alle migliori tesi di laurea sulla responsabilità sociale e lo sviluppo sostenibile.
Vincitori: Alessia Marmiroli, Facoltà di Economia, Università di Parma, con la tesi “La sostenibilità ambientale nelle strategie competitive di imprese industriali e di distribuzione”, Consuelo Rubina Nava, Facoltà di Scienze dell’economia e della gestione aziendale, Università della Valle d’Aosta, con la tesi “Responsabilità Sociale d’Impresa: una nuova sfida dell’innovazione delle relazioni tra PA e Imprese””, Francesca Sambuco, Facoltà di Psicologia, Università la Sapienza di Roma con la tesi “Il ruolo della reputazione nella gestione della crisi organizzativa”.
I tre vincitori  della VII edizione del Premio Socialis potranno effettuare uno stage formativo presso alcuni dei sostenitori del progetto: Barilla, Chiquita, Costa Crociere, Fondazione Chiesi, Novartis, MerckSerono, Randstad, Terna, COOPI, Lega del Filo d’Oro, World Food Programme.
Quatto menzioni speciali per l’approfondimento, l’accuratezza e l’originalità dei lavori vanno ad Egidio Da Ronche,“Analisi economica delle aggregazioni tra comuni”, Facoltà di Scienze Politiche, Padova, Roberto Carrara, “Risposte del consumatore ad atti responsabili e irresponsabili delle imprese in tema ambientale”, Facoltà di Economia, Sassari, Felice Arriga, “Esperienze di microcredito con riferimento ai paesi industrializzati”, Facoltà di Economia, Viterbo, Marco Fama, “Dallo Stato sociale al capitalismo sociale”, Facoltà di Scienze Politiche, Università della Calabria.
I temi legati al risparmio delle risorse, all’impegno sociale d’impresa e al rapporto tra profit e non profit – spiega Roberto Orsi, Presidente di Errepi Comunicazione e direttore scientifico del progetto – sono destinati a mantenersi alla ribalta per lungo tempo e rappresentano, oggi più che mai, uno dei terreni di discussione che coinvolgono maggiormente società civile, governi, industrie e associazioni non profit”.
Nel corso dell’incontro, svoltosi presso l’Associazione Civita, è stata annunciata la nascita dell’Osservatorio Socialis che, in collaborazione con Istituti di ricerca e Atenei, ha in programma di realizzare il Summit della CSR (Responsabilità Sociale d’Impresa) e un tour itinerante nelle Università intitolato “Conoscere il Sociale”, per promuovere occasioni di incontro sul territorio e diffondere lo scambio di esperienze tra profit, non profit e Istituzioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iulm, conferita a Tornatore laurea honoris causa

Next Article

Unibo, Dionigi "stop alle finanziarie pesanti"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.