Sostenibiità di impresa. Premio Socialis

premio-socialis-150x150.jpgIl 2 dicembre a Roma, si è conclusa con un record di patrocini istituzionali e lavori accademici provenienti dagli Atenei di tutta Italia l’edizione 2009 del Premio Socialis, l’unico riconoscimento italiano dedicato alle migliori tesi di laurea sulla responsabilità sociale e lo sviluppo sostenibile.
Vincitori: Alessia Marmiroli, Facoltà di Economia, Università di Parma, con la tesi “La sostenibilità ambientale nelle strategie competitive di imprese industriali e di distribuzione”, Consuelo Rubina Nava, Facoltà di Scienze dell’economia e della gestione aziendale, Università della Valle d’Aosta, con la tesi “Responsabilità Sociale d’Impresa: una nuova sfida dell’innovazione delle relazioni tra PA e Imprese””, Francesca Sambuco, Facoltà di Psicologia, Università la Sapienza di Roma con la tesi “Il ruolo della reputazione nella gestione della crisi organizzativa”.
I tre vincitori  della VII edizione del Premio Socialis potranno effettuare uno stage formativo presso alcuni dei sostenitori del progetto: Barilla, Chiquita, Costa Crociere, Fondazione Chiesi, Novartis, MerckSerono, Randstad, Terna, COOPI, Lega del Filo d’Oro, World Food Programme.
Quatto menzioni speciali per l’approfondimento, l’accuratezza e l’originalità dei lavori vanno ad Egidio Da Ronche,“Analisi economica delle aggregazioni tra comuni”, Facoltà di Scienze Politiche, Padova, Roberto Carrara, “Risposte del consumatore ad atti responsabili e irresponsabili delle imprese in tema ambientale”, Facoltà di Economia, Sassari, Felice Arriga, “Esperienze di microcredito con riferimento ai paesi industrializzati”, Facoltà di Economia, Viterbo, Marco Fama, “Dallo Stato sociale al capitalismo sociale”, Facoltà di Scienze Politiche, Università della Calabria.
I temi legati al risparmio delle risorse, all’impegno sociale d’impresa e al rapporto tra profit e non profit – spiega Roberto Orsi, Presidente di Errepi Comunicazione e direttore scientifico del progetto – sono destinati a mantenersi alla ribalta per lungo tempo e rappresentano, oggi più che mai, uno dei terreni di discussione che coinvolgono maggiormente società civile, governi, industrie e associazioni non profit”.
Nel corso dell’incontro, svoltosi presso l’Associazione Civita, è stata annunciata la nascita dell’Osservatorio Socialis che, in collaborazione con Istituti di ricerca e Atenei, ha in programma di realizzare il Summit della CSR (Responsabilità Sociale d’Impresa) e un tour itinerante nelle Università intitolato “Conoscere il Sociale”, per promuovere occasioni di incontro sul territorio e diffondere lo scambio di esperienze tra profit, non profit e Istituzioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iulm, conferita a Tornatore laurea honoris causa

Next Article

Unibo, Dionigi "stop alle finanziarie pesanti"

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.