Sigarette elettroniche, boom tra giovanissimi. E intanto in Francia arriva il divieto nei luoghi pubblici

sigarette elettroniche boom giovanissimi

SIGARETTE ELETTRONICHE – BOOM TRA GIOVANISSIMI. I giovanissimi che scelgono le sigarette elettroniche sono il doppio dei fumatori tradizionali. Gli ‘svapatori” hanno un’eta’ compresa tra i 15 e i 24 anni, il 23,6% utilizza e-cig, l’11,6% fuma le classiche, senza differenze tra maschi e femmine.

I dati sono stati diffusi dalla Doxa in collaborazione con Iss e Ministero della Salute, nella Giornata mondiale contro il tabagismo.

“E’ progressiva ma lenta la diminuzione del consumo di sigarette in Italia- spiega Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri – Se nel 2013 i fumatori hanno raggiunto quota 10,6 milioni, rappresentando il 20,6% della popolazione sopra i 15 anni, e’ vero anche che il consumo medio di bionde, negli ultimi 10 anni, e’ calato di 3,4 sigarette al giorno, passando dalle 16,1 del 2003, alle 12,7 del 2013″.

Un dato che, unito allo spostamento dei consumi verso l’E-Cig, “e’ coerente con il consistente calo delle vendite di prodotti del tabacco che nel 2013 e’ stato dell’8%”, ricorda il professor Garattini.

In Francia, comunque, stanno prendendo vita i primi provvedimenti contro gli svapatori: “La sigaretta elettronica non è un prodotto banale. Dobbiamo applicare le stesse misure che sono applicate per il tabacco” ha dichiarato il ministro della Sanità annunciando un divieto contro le sigarette elettroniche in pubblico. Presto anche in Italia potrebbero arrivare misure simili.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

23 anni, sta per partorire cinque gemellini

Next Article

Assunzioni? Solo nell'agricoltura

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.