Sigaretta elettronica: contrabbandieri in azione

sigaretta elettronica e cig

I contrabbandieri hanno deciso di allungare le mani sulle sigarette elettroniche e interrompere il manage à trois “fumatori- tabaccai e fisco”. Il giro d’affari dell’e-cig si fa sempre più ricco.
Oggi, la Guardia di Finanza di Frosinone ha sequestrato ottomila pezzi contenenti prodotti chimici pericolosi, provenienti dalla Cina.
Gli importatori italiani sono stati denunciati. La scorsa settimana, un maxi sequestro a Bari.
Il mercato delle e-cigarette si fa sempre più promettente. Gli svapatori aumenteranno vorticosamente.
Secondo le statistiche, quest’anno, da 400mila passeranno a 800mila.
Si tratterebbe di un decimo della popolazione attuale dei fumatori nazionali, come sottolineato dalla Doxa.
Il giro d’affari, quindi, potrebbe passare da 200milioni a 500 milioni.
Intanto, è stato presentato un emendamento per la regolamentazione delle sigarette elettroniche, che ne prevede la tassazione e la vendita presso i tabaccai.
Anche all’estero, c’è chi inizia a muoversi verso l’equiparazione fiscale dell’e-cigarette al tabacco.
Negli Usa, le prime intenzioni si sono manifestate nello Utah.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scollature, piercing e diete per sembrare grandi

Next Article

Dallas, Berlusconi "colpito" dal sole durante la cerimonia

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

“Incompetente ed esibizionista”: ecco cosa pensano i giovani della politica italiana

Presentato il decimo rapporto dell'Osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University. La ricerca ha interessato 5mila giovani tra i 16 e i 19 anni. La maggior parte di loro sono delusi dal mondo delle istituzioni ma vorrebbero una donna come Presidente della Repubblica. "I fondi del PNRR? Utilizziamoli per riparare ai danni psicologici provocati dalla DaD".