Siena, l’università mette a bando borse e premi

Schermata 2013-05-09 a 14.34.32

L’Università di Siena offre numerose opportunità in scadenza nel mese di maggio per borse di studio e ricerca in diversi settori scientifici, destinate a studenti e laureati.

La prima scadenza è lunedì 13 maggio per una borsa di ricerca riservata ai laureati magistrali nell’ambito delle Scienze e tecnologie geologiche.
Il 20 maggio si chiudono invece i bandi per quattro borse di studio riservate ai laureati in Archeologia, mentre il 23 maggio è il termine per partecipare ai concorsi per l’attribuzione di tre borse di ricerca per i laureati in Farmacia o Chimica e tecnologie farmaceutiche.

C’è tempo fino al 27 maggio per partecipare ai bandi per una borsa di ricerca per i laureati in Tecnologie di monitoraggio e recupero ambientale, una borsa per i laureati in Ingegneria elettronica, Ingegneria delle telecomunicazioni o Fisica e un’altra riservata ai laureati nel settore ingegneristico.

Il 29 maggio scadono i bandi per una borsa di ricerca destinata a laureati in Ecotossicologia e sostenibilità ambientale e una riservata ai laureati in Archeologia.

Inoltre, fino al 31 maggio, è possibile partecipare all’assegnazione di due premi di studio per studenti iscritti al I anno del corso di laurea in Scienze geologiche e di un premio di laurea destinato a coloro che hanno conseguito la laurea specialistica/magistrale in Biologia molecolare e cellulare presso l’Università di Siena.
Tutti i bandi e le informazioni sono pubblicate on line all’indirizzo web www.unisi.it/didattica/bandi-e-borse.

Link al testo del comunicato:
https://www.comunicatistampa.unisi.it/dett_comunicato.php?idcs=5313

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Erasmus per giovani imprenditori, in viaggio per l'Europa

Next Article

Giorno della memoria, il ricordo degli studenti: "Abbiamo la stessa voglia di ribellarci"

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.