Siena, l’università mette a bando borse e premi

Schermata 2013-05-09 a 14.34.32

L’Università di Siena offre numerose opportunità in scadenza nel mese di maggio per borse di studio e ricerca in diversi settori scientifici, destinate a studenti e laureati.

La prima scadenza è lunedì 13 maggio per una borsa di ricerca riservata ai laureati magistrali nell’ambito delle Scienze e tecnologie geologiche.
Il 20 maggio si chiudono invece i bandi per quattro borse di studio riservate ai laureati in Archeologia, mentre il 23 maggio è il termine per partecipare ai concorsi per l’attribuzione di tre borse di ricerca per i laureati in Farmacia o Chimica e tecnologie farmaceutiche.

C’è tempo fino al 27 maggio per partecipare ai bandi per una borsa di ricerca per i laureati in Tecnologie di monitoraggio e recupero ambientale, una borsa per i laureati in Ingegneria elettronica, Ingegneria delle telecomunicazioni o Fisica e un’altra riservata ai laureati nel settore ingegneristico.

Il 29 maggio scadono i bandi per una borsa di ricerca destinata a laureati in Ecotossicologia e sostenibilità ambientale e una riservata ai laureati in Archeologia.

Inoltre, fino al 31 maggio, è possibile partecipare all’assegnazione di due premi di studio per studenti iscritti al I anno del corso di laurea in Scienze geologiche e di un premio di laurea destinato a coloro che hanno conseguito la laurea specialistica/magistrale in Biologia molecolare e cellulare presso l’Università di Siena.
Tutti i bandi e le informazioni sono pubblicate on line all’indirizzo web www.unisi.it/didattica/bandi-e-borse.

Link al testo del comunicato:
https://www.comunicatistampa.unisi.it/dett_comunicato.php?idcs=5313

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Erasmus per giovani imprenditori, in viaggio per l'Europa

Next Article

Giorno della memoria, il ricordo degli studenti: "Abbiamo la stessa voglia di ribellarci"

Related Posts
Leggi di più

Studenti Erasmus dormono in stazione a Ferrara, il governo spagnolo critica l’ateneo: “Doveva pensare all’accoglienza”

Non si placano le polemiche sul caso del gruppo di studenti spagnoli costretti a dormire in stazione al gelo perché impossibilitati a trovare un alloggio a Ferrara. Il ministro dell'Università iberico ha criticato l'università emiliana per la mancata accoglienza. L'ateneo però non ci sta: "Non era di nostra competenza".