Sicurezza stradale, "corto" giovane

autovelox.jpgSi intitola ”Autovelox” il cortometraggio presentato dal ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, al Giffoni Film Festival, per diffondere il tema della sicurezza stradale. Il filmato, diretto da Gianluca Ansanelli, con Nicolas Vaporidis ed Eros Galbiati, punta a far riflettere facendo sorridere i ragazzi e, grazie a un accordo con la Medusa, sarà distribuito nelle sale cinematografiche italiane e proiettato prima dei film, oltre ad arrivare nelle scuole e nei festival.
“È una storia articolata in tre atti (guarda il video), che inizia con la bravata di due giovani fotografati dall’autovelox, dal finale sorprendente”, spiega il regista Ansanelli.
“È un esperimento nuovo – spiega il ministro Meloni – che il Ministero ha promosso utilizzando canali meno istituzionali, attraverso l’utilizzo di un linguaggio semplice, giovanile, divertente ma efficace. È un video a costo zero dagli attori al regista, ci auguriamo possa essere utile per affrontare il problema della sicurezza stradale che ogni anno fa 3.000 morti sulle strade”.

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca in Calabria, triennio da 325 mln

Next Article

Ucla, in slang Obama vuol dire figo

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.