Si salvano i docenti inidonei

docenti inidonei

Pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale n. 214 il decreto legge sulla scuola 104/2013. Buone notizie per i docenti inidonei : a differenza di quanto avveniva in precedenza non saranno ricollocati obbligatoriamente tra le file del personale tecnico e amministrativo delle scuole, ma, grazie alla mobilità, potranno trovare posto in altre istituzioni statali a parità di qualifica e retribuzione.

Le altre misure presenti nel decreto: dall’assunzione di oltre 26 mila insegnanti di sostegno ai contributi per la formazione del personale docente, fino alle nomine dei dirigenti scolastici che non avverrà più per concorso, ma passerà per una preselezione e un percorso formativo ad hoc.

Presenti anche norme che vengono incontro alle famiglie e agli studenti, come le sovvenzioni per gli i ragazzi meno abbienti che studiano fuorisede e il taglio ai rincari sui libri di testo e il corredo scolastico.

https://rstampa.pubblica.istruzione.it/utility/imgrs.asp?numart=254NNL&numpag=1&tipcod=0&tipimm=1&defimm=0&tipnav=1

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Jovanotti in diretta - Segui lo streaming

Next Article

Il 27 settembre torna la Notte dei ricercatori: ecco il programma completo

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.