Si al rubinetto

Tre giorni per sensibilizzare i cittadini all’uso dell’acqua di rubinetto.

Termina oggi l’iniziativa proposta Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e il Dipartimento di Studi Geologici e Ambientali dell’Università degli Studi del Sannio per la sensibilizzazione all’uso dell’acqua di rubinetto.
In occasione della giornata mondiale dell’acqua già gli scorsi sabato e domenica sono stati allestiti dei punti informativi in Piazza Roma, Piazza Santa Sofia e Corso Garibaldi a Benevento dove la professoressa di Geologia Applicata dell’ateneo sannita Libera Esposito, ha spiegato l’importanza dell’acqua come risorsa e soprattutto quanto sia poco controllata quella in bottiglia. Insieme ad un gruppo di studenti continueranno anche oggi a distribuire materiale informativo al fine di convincere i cittadini a consumare acqua distribuita dai pubblici impianti. Ad allietare la giornata, artisti di strada che attireranno l’attenzione dei passanti.
Le giornate nascono dalla collaborazione dell’ateneo e del GESESA S.p.a. grazie all’accordo fortemente sentito tra il Preside di scienze prof. Francesco Maria Guardagno e dal presidente della GESESA Nazzareno Fiorenza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contratto per Associate Junior Product Manager

Next Article

Battaglie Culturali

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.