Settimo Short Film Festival: concorso cortometraggi

Siete aspiranti registi? Al via la seconda edizione di ‘Settimo Short Film Festival’, un concorso di cortometraggi a tema libero.
In palio premi in denaro fino a 1.000 Euro. La data di scadenza del bando è prevista per il 14 Ottobre 2018.
Sarà possibile partecipare al contest con cortometraggi in formato digitale della durata di 15 minuti. Ogni partecipante può presentare un massimo di due opere ed è libero di realizzare il lavoro con qualsiasi tipo di espressione artistica.
Ai vincitori del concorso saranno assegnati i seguenti premi in buoni regalo:
opera vincitrice del concorso: 1.000 €;
miglior regia: 300 €;
miglior sceneggiatura: 300 €;
opera votata dalla giuria popolare: 200 €.
L’iscrizione al contest di cortometraggi dovrà essere inoltrata entro il 14 Ottobre 2018 con il materiale relativo ai video secondo una delle seguenti modalità:
– upload tramite WeTransfer (scelta consigliata e prioritaria) all’indirizzo: [email protected];
– caricando il materiale sui portali Click for Festival, Moviebeta o Festhome.
Per partecipare al concorso è necessario pagare una quota del valore di € 10,00.
Per maggiori informazioni consultare il sito web dedicato al contest.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milano: corso gratuito Gestione Risorse Umane

Next Article

YICCA: concorso di Arte Contemporanea, come partecipare

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.