Serie A e Formula 1, i risultati del week-end

Lotta scudetto, l’Inter vince in casa della Juventus e riapre il campionato. Lotta mondiale, ad Abu Dhabi Alonso (2°) precede Vettel (3°) e riduce il distacco a dieci punti.

Poteva essere un week-end decisivo, in grado di delineare in modo definitivo, o quasi, i duelli per la leadership. Invece sia la Serie A che la Formula 1 riservano gradite sorprese che riaccendono l’interesse per entrambe le competizioni.

Partiamo col calcio, e più precisamente dal big match dell’undicesima giornata tra la Juventus e l’Inter. Autentica impresa dei nerazzurri che dopo essere passati in svantaggio ad inizio gara (gol irregolare viziato da una posizione di fuorigioco), ribaltano il risultato e vincono per 3-1 a Torino segnando l’interruzione dell’imbattibilità juventina in campionato durata 49 partite.

Se la classifica si accorcia per l’Inter, ora ad un solo punto dalla capolista, falliscono ancora l’occasione per avvicinarsi alla vetta il Napoli (raggiunto allo scadere dal Torino, finale 1-1) e la Lazio (crollo 4-0 a Catania). Sale al quarto posto la Fiorentina che demolisce il Cagliari 4-1, stesso risultato della Roma col Palermo che fa respirare Zeman. Largo successo casalingo anche per il Milan, 5-1 sul Chievo.

Completano il quadro Pescara-Parma 2-0, Bologna-Udinese 1-1, Sampdoria-Atalanta 1-2, Siena-Genoa 1-0.

In Formula 1, sul circuito di Abu Dhabi taglia la bandiera a scacchi davanti a tutti la Lotus di Raikkonen. Secondo piazzamento Alonso che rosicchia qualche punto a Vettel giunto terzo alle sue spalle.

Poteva andare meglio al ferrarista visto che la Red Bull era stata retrocessa all’ultimo posto sulla griglia di partenza per un’irregolarità nel quantitativo di benzina caricato nelle qualifiche. D’altro canto, è andata fin troppo bene alla “Rossa” perchè se il tedesco non fosse stato penalizzato si sarebbe assistito probabilmente ad un nuovo successo le da uccidere la lotta per il Mondiale.

A due Gran Premi dalla conclusione, sono soltanto dieci i punti di distacco tra Vettel e Alonso. La sensazione è che si aggiudicherà il titolo non solo chi si rivelerà più veloce, ma chi sbaglierà di meno.

Andrea Palazzo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Deutsche Bank cerca figure professionali

Next Article

Gabriele Paolini e Sara Tommasi “I soliti noti” trapiantati al cinema

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".
Leggi di più

La confessione hot di Iva Zanicchi: “Faccio sesso anche a 80 anni”

La celebre cantante, quest'anno in gara a Sanremo, ha raccontato in un'intervista la sua vita privata: "Con Fausto siamo legati da 36 anni. All'inizio c'era una grande attrazione. Se facciamo sesso? Adesso meno, ma guai se smetti di fare l'amore anche dopo gli 80. Se smetti poi non lo fai più".