“Senza Sosta” premia le idee dell’universo “mobile”

L’Università di Bologna si è unita con Vodafone per premiare la creatività giovanile. L’ateneo emiliano e la grande azienda di telefonia mobile hanno lanciato, infatti, “Senza Sosta”, un concorso che premia le idee innovative legate al mondo del cosiddetto “mobile” cioè tutto ciò che permette una comunicazione o uno scambio di file senza fili che possano essere utilizzate all’interno dell’università.
Possono partecipare gli studenti di qualsiasi università italiana iscritti a un corso di laurea triennale, specialistica, magistrale ed equiparate, a un master, a una scuola di specializzazione o a un dottorato di ricerca. I concorrenti potranno partecipare a “Senza Sosta” proponendo un’idea da soli oppure in gruppo che rappresenti una soluzione innovativa e altamente creativa per servizi universitari mobile in tutti gli ambiti (orientamento, biblioteche, network sociali, ecc.).
La proposta per iscriversi al premio e concorrere va inserita all’interno della pagina web dedicata, www.unibo.it/senzasosta/default.aspx entro il 20 maggio 2009. Il concorso si svolgerà in due fasi. Nel corso della prima fase chi crea un progetto può illustrare l’idea in un massimo di 2.000 caratteri e modificarla in ogni momento fino al 20 maggio 2009. La Commissione, tra tutte le proposte pervenute, sceglierà quelle che accedono alla Seconda fase.
Nella Seconda fase le proposte scelte dovranno essere maggiormente dettagliate e si dovranno inserire delle descrizioni approfondite del progetto e, opzionalmente delle rappresentazioni grafiche di viste del progetto e link a demo on-line. La scadenza della Seconda fase è il 1 settembre 2009.
Il montepremi totale è ricco ed ammonta a 20.000 euro suddivisi in 10.000 euro alla prima idea classificata, 6.000 euro alla seconda e 4.000 euro alla terza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Venditori per casa editrice su Treviso

Next Article

Due educatrici a tempo indeterminato

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.