Se il muratore sbanca Linkedin: boom di richieste di lavoro per il settore edile. Fitness in ripresa

Il social network ha analizzato i dati sulle offerte registrate nei mesi compresi tra febbraio e marzo 2021. I profili più richiesti restano però quelli legati all’It services.

Muratori e manovali sbancano Linkedin. È questo il risultato più sorprendente dall’indagine realizzata dal social network specializzato per la ricerca di personale e offerte di lavoro (740 milioni di utenti a livello mondiale di cui 15 milioni in Italia) e che ha analizzato i dati sulle offerte registrate nei mesi compresi tra febbraio e marzo 2021 per determinare da una parte i settori che registrano la maggiore richiesta di personale e dall’altra i ruoli professionali più richiesti in Italia, in base alla crescita del volume di mese in mese.

I ruoli più ricercati nel nostro Paese restano gli sviluppatori e gli ingegneri del software e tutto il settore dell’It services: settori con il più alto numero di annunci di lavoro, seppur con una crescita percentuale inferiore ai precedenti e spinti soprattutto dall’esplosione dello smart working come strumento principale di lavoro durante la Pandemia.  

La vera novità però è che il settore delle costruzioni abbia fatto un consistente balzo in vanti assieme a quello legale e il manufacturing i quali però, nonostante i rallentamenti e gli stop subiti nel recente periodo, dall’inizio del 2021 risultano in crescita rilevante. Al decimo posto invece hardware & networking.

Il boom delle costruzioni potrebbe essere spiegato con l’effervescenza nel mercato scattata con il Superbonus 110% che sta spingendo tantissimo il settore degli interventi edili e di rigenerazione degli stabili delle nostre città in un’ottica green e sostenibile.

Tra i settori caratterizzati dal maggior numero di offerte di lavoro a inizio 2021 poi ci sono quelli della pubblica sicurezza, seguito dal design e da wellness & fitness. Il tutto nonostante il periodo nero provocato dalle chiusure imposte dalle limitazioni per il Coronavirus ma che, complice il rallentamento dei contagi delle ultime settimane, sta lentamente ripartendo.

Total
12
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Professioni digitali: domani il webinar di Ernst & Young per capire come stanno cambiando

Next Article

Più ecologico ed equo: ok al nuovo Erasmus+. Fondi raddoppiati per far studiare i giovani in Europa

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.