Scuola, sciopero delle attività aggiuntive dal 9 al 18 aprile

“Uno sciopero delle attività non obbligatorie dal 9 aprile al 18 aprile per tutto il personale docente ed Ata della scuola”, è quello proclamato dai sindacati Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams.
Stop quindi alle attività aggiuntive oltre l’orario obbligatorio, retribuite con il fondo per il miglioramento dell’offerta formativa. Astensione dalle ore per l’attuazione dei progetti e degli incarichi di coordinatore retribuite con il Mof. dalla sostituzione e dalla collaborazione con il dirigente scolastico e di ogni altro incarico aggiuntivo. Saranno bloccati, inoltre, i corsi di recupero, le attività complementari di educazione fisica e avviamento alla pratica sportiva.
Il personale Ata, si legge nella nota del MIUR, si asterrà dalle attività aggiuntive oltre le 36 ore settimanali. Inoltre ci sarà l’astensione da tutte le attività previste tra quelle rientranti nelle posizioni economiche (I e II grado) e negli incarichi specifici; l’astensione dall’intensificazione dell’attività nell’orario di lavoro relativa alla sostituzione dei colleghi assenti. Nessuna sostituzione nei servizi generali e amministrativi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Kenia, strage all'Università: 147 morti e 30 feriti

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 2 aprile

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.