Scuola: scatti d’anzianità bloccati. Nel prossimo Consiglio dei Ministri la decisione sugli aumenti ai docenti

Roma, la protesta dei docenti da

Scatti d’anzianità: ancora incertezze. Una nota diffusa ieri da Palazzo Chigi conferma la revoca della misura presentata dal MEF e poi ritirata grazie all’intervento del Mur e del Premier Letta che costringeva i docenti a restituire gli scatti d’anzianità percepiti lo scorso anno: “Con lo stipendio ordinario di gennaio è stata data applicazione al Dpr 122/2013 – spiegano dal governo  –  con blocco degli scatti di anzianità dal 2013 e recupero degli eventuali debiti per un importo massimo mensile di 150 euro lordi. Come da disposizioni concordate tra il ministero dell’Economia e delle finanze e dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, è sospesa l’attività di recupero e l’importo di 150 euro lordi verrà rimborsato con esigibilità contestuale a quella dello stipendio ordinario in pagamento nel mese di gennaio 2014”.

Un provvedimento che ha fatto tirare un sospiro di sollievo alla categoria, ma che non risolve completamente il problema: a partire da questo mese, infatti, lo stipendio degli insegnanti calerà comunque dal momento che nella busta paga mancherà proprio l’importo percepito fino allo scorso anno a seguito degli scatti d’anzianità maturati.

In merito agli aumenti di stipendio la nota del governo precisa: “Per quanto riguarda il 2014, il pagamento degli scatti potrà essere assicurato a seguito delle decisioni che verranno assunte nel prossimo Consiglio dei ministri per gli insegnanti che ne abbiano beneficiato nell’anno 2013”.

Starà quindi al Consiglio dei Ministri provvedere a trovare i fondi per garantire quegli aumenti che spettano di diritto ai dipendenti della pubblica istruzione ogni 6 anni (un importo medio mensile che si aggira tra i 90 e i 120 euro per ogni dipendente).

Compito difficile dal momento che le retribuzioni del comparto scuola sono ferme dal dicembre 2009, per via del contratto scaduto e mai rinnovato, e in più sono stati bloccati gli automatismi previsti anche dal contratto 2007/2009.

Una situazione che potrebbe riaccendere la polemica tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze e quello dell’Istruzione dopo il botta e risposta dei Ministri Saccomanni e Carrozza a seguito del pasticcio sulla restituzione degli scatti d’anzianità. Nel frattempo, però, a farne le spese sono i docenti che, tramite i social network e gli organi d’informazione, cercano di far sentire la propria voce e di far valere i propri diritti.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'UE ha sborsato 575 milioni per ricercatori di metà carriera

Next Article

Il rapporto: "Giovani italiani non trovano lavoro perché non soddisfano le richieste delle aziende"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).