Scuola, pubblicato il calendario 2015-2016: si comincia il 9 settembre. L'8 giugno l'ultima campanella

La scuola è appena finita, la scuola si prepara a riiniziare: in un circolo di continuità infinita, e mentre il mondo dell’istruzione si prepara, forse, a cambiare drasticamente, il calendario del prossimo anno scolastico è già disponibile.
Si parte il 9 settembre in Molise: la regione del centro Italia sarà la prima ad aprire i cancelli dei suoi istituti; l’ultima, invece, il Veneto, con buona pace per gli studenti che potranno rimanere in vacanza fino al 16 settembre, appena un giorno in più rispetto a Lazio e Sicilia. Tutte le altre regioni italiane, invece, cominceranno le lezioni il 14 settembre.
Termine delle lezioni, nel 2016, sarà l’8 giugno (proprio come per l’anno 2014 – 2015), con le sole eccezioni di Marche e Molise che anticiperanno la chiusura al 4 giugno, del Trenitino (scuole chiuse dal 7 giugno), di Abruzzo, Piemonte e Sicilia, scuola aperte fino al 9 giugno, e della sardegna, che farà “penare” i propri ragazzi fino al 14 giugno.
Le vacanze di Natale inizieranno il 23 dicembre un po’ d’appertutto, tranne in Basilicata, Marche e Veneto dove le scuole chiuderanno solo a partire dal giorno della vigilia e in Sicilia, che anticiperà la chiusura al 22 dicembre per poi riaprire, come tutte, il 7 gennaio 2016. Carnevale farà chiudere le scuole l’8 e il 9 febbraio; solo in Piemonte la sospensione delle lezioni inizierà dal 6 febbraio e della Sardegna che concederà solo il martedì grasso (9 febbraio 2016) come giorno di vacanza. Per la pasqua, periodo di chiusura dal 24 al 29 marzo, ad eccezione dell’Umbria, dove studenti e docenti potranno godere di un giorno in più di relax.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ecco Reprise, il nuovo Albo internazionale di esperti scientifici al MIUR

Next Article

Tasse universitarie sempre più alte: aumento del 5% nell'ultimo anno; del 51% negli ultimi 10

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident