Scuola, Miur: nel 2011 685 mln in più per scuole statali

Il Miur, in una nota, afferma che nell’anno scolastico 2010/2011 ha incrementato di 685 milioni di euro le risorse a disposizione delle scuole statali: +223 milioni per il funzionamento, +41 mln per gli straordinari resi dai docenti per le supplenze, +191 mln per il miglioramento dell’offerta formativa, 230 mln di finanziamento straordinario per debiti precedenti. Pubblichiamo, di seguito, il contenuto integrale del comunicato.  

Nell’anno scolastico 2010/2011, il Miur ha incrementato di 685 milioni di euro le risorse a disposizione delle scuole statali: +223 milioni per il funzionamento, +41 milioni per gli straordinari resi dai docenti per le supplenze, +191 milioni per il miglioramento dell’offerta formativa, 230 milioni di finanziamento straordinario per debiti precedenti. Nel 2011 il Miur mette complessivamente a disposizione per il fondo di funzionamento delle scuole 774 milioni di euro. Tale stanziamento rappresenta il massimo storico mai raggiunto negli ultimi quattro anni.

In particolare, i 774 milioni di euro per le 10.480 scuole statali per il  2011 saranno così ripartiti:

• 132 milioni di euro per le spese di funzionamento/didattiche;

• 300 milioni di euro  per acquisti di servizi che non possono essere resi dal personale accantonato (carenze di collaboratori scolastici “bidelli”) in circa 4.000 scuole ;

• 321 milioni di euro per altre spese di funzionamento (TARSU, Revisori dei Conti,  integrazioni per servizi esternalizzati etc.);

• 21 milioni circa del fondo cap. 1287.

Nell’ambito di questo stanziamento, il Miur ha già erogato alle scuole 380,5 milioni di euro.

Supplenze. Per i finanziamenti per le supplenze dell’anno 2011 sono stati erogati, come acconto per questa voce di spesa, 303 milioni di euro. Inoltre sono disposte mensilmente assegnazioni a favore di ogni scuola, se dovessero risultare ulteriori necessità finanziarie.

Vengono rilevati mensilmente, per ciascuna scuola, gli eventuali maggiori impegni di spesa, rispetto alla somma assegnata, per supplenze brevi. Conseguentemente, verrà integrata la disponibilità finanziaria delle scuole che avranno questa eventuale necessità. Il Miur ha assicurato una  disponibilità di 670 milioni, sufficiente a garantire il tasso di sostituzione ordinario (3,16%).

Per il 2011 le risorse per finanziare le ore straordinarie svolte dai docenti per sostituire i colleghi assenti sono state incrementate in via straordinaria di 41 milioni di euro, raggiungendo così la somma complessiva di 70 milioni. Tutte le spese impegnate per supplenze brevi nel corso dell’a.s. 2009/2010 sono state coperte dal Ministero ed i relativi importi sono già stati assegnati alle scuole. Al termine dell’a.s. 2009/10, non risultano residui passivi per supplenze nelle scuole da finanziare.

Il Ministero ha erogato 16.647.638 euro a saldo delle supplenze di dicembre 2010. A questo riguardo, il Miur sta comunque verificando eventuali ulteriori somme da versare agli istituti.

Miglioramento dell’offerta formativa. Per il 2010/2011 il Miur sta procedendo all’assegnazione di 1,5 miliardi di euro alle scuole statali per il miglioramento dell’offerta formativa, con un incremento di oltre 191 milioni di euro rispetto al 2007/08.

Le scuole dovranno utilizzare tali risorse per realizzare, tra l’altro, attività aggiuntive d’insegnamento, di recupero e di potenziamento, attività di progettazione e produzione di materiali utili alla didattica, con particolare riferimento a prodotti informatici.

Le attività didattiche aggiuntive (ad es. i corsi pomeridiani) sono quindi gratuite per le famiglie poiché, per l’appunto, finanziate dal Ministero. La loro definizione è naturalmente rimessa all’autonomia scolastica.

Situazione finanziaria generale. Al termine dell’a.s. 2009/10, le scuole statali, sulla base dei dati comunicati da loro stesse, disponevano di un fondo cassa di quasi 1,7 miliardi di euro, a fronte di passivi per circa 810 milioni di euro. Le stesse scuole quindi vantavano complessivamente risorse finanziarie per quasi 883 milioni di euro superiori ai debiti non ancora pagati.

Flussi di cassa. Le somme erogate dal Ministero alle scuole statali sono state pari  a 2,5 miliardi di euro nell’a.s. 2007/08, ad oltre 2,595 miliardi nell’a.s. 2008/09, ad oltre 3,192 miliardi nell’a.s. 2009/10, con un incremento quindi di oltre 692 milioni nell’ultimo anno scolastico rispetto all’a.s. 2007/08 e di oltre 597 milioni rispetto all’a.s. 2008/09.

Finanziamenti straordinari 2010 alle scuole. La difficoltà finanziaria viene rilevata dalla lettura dei bilanci delle scuole, sulla base dei flussi finanziari comunicati dalle scuole stesse, e non sulla base di singole richieste direttamente poste al Ministero.

Ciò premesso, nel dicembre 2010 sono stati erogati:

• un finanziamento straordinario di 160 milioni alle scuole (2.903) che hanno debiti assunti in anni precedenti, coperti da residui attivi;

• un finanziamento straordinario di 70 milioni  a tutte le scuole per il pagamento delle ore straordinarie svolte dai docenti per supplenze oltre il budget assegnato e quindi  coperte da residui attivi.

Il Miur quindi nel 2010 ha, di fatto, finanziato in via straordinaria 230 milioni di “residui attivi” che le scuole hanno iscritto in bilancio per finanziare debiti altrimenti scoperti. La legge 40/2007 prevede una detrazione d’imposta per “le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, statali e paritari senza scopo di lucro appartenenti al sistema nazionale di istruzione di cui alla Legge 10 marzo 2000 n. 62 e successive modificazioni, finalizzate all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica e all’ampliamento dell’offerta formativa”.

Si tratta pertanto di una norma fiscale che conferma la natura di liberalità di tali contributi, stabilendo una detrazione d’imposta per il contribuente che decide di effettuare una donazione alla scuola. Le istituzioni scolastiche non hanno ragioni e titolo per chiedere contributi alle famiglie se non liberalità finalizzate all’innovazione tecnologica, edilizia scolastica (di competenza degli Enti Locali), miglioramento dell’offerta formativa. Resta la facoltà di richiedere contributi per le spese di laboratorio nelle scuole secondarie di II grado.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Alessandro Siani, professore per un giorno

Next Article

Iran: il sesso divide gli universitari

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".