Iran: il sesso divide gli universitari

I dirigenti dell’università della Scienza e dell’Industria di Teheran hanno deciso di tenere lezioni separate per studenti maschi e femmine, seguendo l’esempio di un altro ateneo della capitale iraniana, quella di Allameh Tabatabai.

I dirigenti dell’università della Scienza e dell’Industria (Elm-o-Sanat) di Teheran, già frequentata dal presidente Mahmud Ahmadinejad, hanno deciso di tenere lezioni separate per studenti maschi e femmine, seguendo l’esempio di un altro ateneo della capitale iraniana, quella di Allameh Tabatabai, specializzata in Economia. Lo scrive oggi il quotidiano Sharq.

La segregazione dei sessi sarà introdotta dapprima nelle facoltà di Chimica e Fisica, precisa il giornale, sottolineando che questo creerà non pochi problemi agli studenti perchè alcuni di loro dovranno rinunciare a corsi specializzati. La segregazione dei sessi, in vigore a partire dalla rivoluzione islamica del 1979 dalla prima elementare fino all’ultima classe del liceo, non era praticamente mai stata attuata finora nelle università.

Sharq scrive che la separazione dei sessi è stata decisa nell’università centrale di Teheran, la più grande della capitale, sui minibus che effettuano il servizio di trasporto degli studenti dai dormitori all’ateneo e viceversa. Contro questo provvedimento diversi studenti hanno dato vita ieri a una manifestazione di protesta su una strada che costeggia l’università.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Miur: nel 2011 685 mln in più per scuole statali

Next Article

Lettieri salta l'appuntamento con i giovani

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.