Scuola: i 12 punti della riforma

la buona scuolaù

“Oggi tiriamo una linea col passato. Il percorso di rinnovamento coinvolgerà tutti”. Con queste parole il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha commentato il piano della scuola lanciato questa mattina sul sito passodopopasso.italia.it dal premier Matteo Renzi. Tante novità, a partire dall’assunzione di 150 mila precari. Basta supplenze, dati di autovalutazione per le scuole e nuovi scatti per gli insegnanti, questa volta basati sul merito.

Ecco i 12 punti del governo per il piano sulla scuola:

  1. Mai più precari nella scuola
  2. Dal 2016 si entra solo per concorso
  3. Basta supplenze
  4. Scuola fa carriera: qualità valutazione merito
  5. La scuola si aggiorna: formazione e innovazione
  6. Scuola di vetro: dati e profili on line
  7. Sblocca scuola, via le pratiche inutili
  8. La scuola digitale
  9. Cultura in corpore sano
  10. Le nuove alfabetizzazioni
  11. Fondata sul lavoro, alternanza e apprendistato
  12. La scuola per tutti tutti per la scuola (risorse)

Questo è il documento ufficiale lanciato dal governo per la scuola

 

Ecco il tweet del ministro Giannini

giannini tweet scuola

“Dal 15 settembre al 15 novembre andremo scuola per scuola, aula per aula a raccogliere le vostre opinioni. Scriveteci, criticateci, diteci la vostra. Coinvolgetevi. Sono anni che fanno le riforme passando sopra la vostra testa. Stavolta, no. Vogliamo affrontare questa sfida insieme” – questo il messaggio lanciato dal governo.

12 punti

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

LA BUONA SCUOLA - Ecco il piano di Renzi: "Non una riforma, ma un patto educativo"

Next Article

Intervista a Maria Chiara Carrozza: "Lavoro coraggioso sulla scuola. Ma non dimentichiamoci di Ricerca e Università"

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.