Scuola, campioni del mondo di ferie estive

L’estate resta l’intoccabile approdo del riposo italico, almeno a giudicare dal confronto con gli altri paesi, oltre che dalle reazioni alla proposta del Ministro del Lavoro, Poletti, di accorciare i fatidici tre mesi di vacanza per la nostra scuola. Non la prima, nemmeno l’ultima, con codazzo di polemiche annesso.
Tre mesi tra la sabbia fina della spiaggia e quella polverosa dei campetti di calcio improvvisati. Oppure dello studio dopo pranzo, mentre gli altri riposavano ma tu dovevi recuperare il terreno in qualche materia. Si sudava più degli altri, o almeno questa era la sensazione. Ma anche i primi lavoretti, nel lido davanti alla casetta in affitto, o comprata come sogno realizzato dai genitori. Oppure spostandosi nei luoghi di villeggiatura, tra ristoranti e pizzerie in cerca di grandi incassi. Un’estate italiana, un’avventura in più. Cronache in realtà già abbastanza mutate in tempi di crisi.
Non ci sono dubbi: la bella stagione porta il riposo. Tanto è vero che l’Italia è il paese con la più lunga vacanza scolastica estiva del mondo. Come noi nessuno mai, avvertendo però come non sia il caso di aggrapparsi all’immagine fanfarona dello stereotipo. Sommando tutti i periodi di stop alle lezioni durante l’anno infatti, le differenze tra il nostro e i paesi che si concedono meno alla tintarella, si assottigliano. Al di là dei giudizi di merito, siamo gente attenta al meteo.
Le nostre 13 settimane da giugno a settembre sono uniche o quasi. Come noi la Turchia, la Lituania e la Lettonia, mentre molto vicine sono le nazioni del Sud Europa, Grecia e Spagna, che si fermano attorno alle 12 settimane. L’Irlanda 11, il Portogallo 10 come l’Austria.
Andando verso nord invece si risparmia sulle creme solari, trovando le nazioni più “intransigenti”, a cui evidentemente basta la settimana sulla riviera romagnola per rigenerarsi: Inghilterra e Germania fermano le loro scuole per sole sei settimane, arrivando con le lezioni a metà o fine luglio. Proprio come accade in Norvegia, Svezia e Danimarca.  Qualcosa di più per la Francia, 7-8. Ma, come detto, non c’è da farsi ingannare. Se infatti in Italia le sospensioni legate alle festività si riducono a un mese o anche meno, in questi paesi si aggiungono invece due mesi al dato totale.
Nel mondo la situazione è abbastanza simile. ferie ridotte nella bella stagione, ma varie pause disseminate nell’arco dell’anno. In Australia la puasa estiva coincide con le festività natalizie e dura 6 settimane. In Cina 8, che diventano 12 in tutta l’annata. Nel vicino Giappone appena 5, considerando però le precedenti 2 di primavera. In Sudafrica ci sono varie finestre: 40 giorni alla fine dell’anno scolastico a dicembre, un mese a metà (giugno) e due volte 10 giorni a marzo e settembre. Questa la quantità, sulla qualità il dibattito è aperto.
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 24 marzo

Next Article

Claudio Lotito sale in cattedra all'Università

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.