Scuola, campioni del mondo di ferie estive

L’estate resta l’intoccabile approdo del riposo italico, almeno a giudicare dal confronto con gli altri paesi, oltre che dalle reazioni alla proposta del Ministro del Lavoro, Poletti, di accorciare i fatidici tre mesi di vacanza per la nostra scuola. Non la prima, nemmeno l’ultima, con codazzo di polemiche annesso.
Tre mesi tra la sabbia fina della spiaggia e quella polverosa dei campetti di calcio improvvisati. Oppure dello studio dopo pranzo, mentre gli altri riposavano ma tu dovevi recuperare il terreno in qualche materia. Si sudava più degli altri, o almeno questa era la sensazione. Ma anche i primi lavoretti, nel lido davanti alla casetta in affitto, o comprata come sogno realizzato dai genitori. Oppure spostandosi nei luoghi di villeggiatura, tra ristoranti e pizzerie in cerca di grandi incassi. Un’estate italiana, un’avventura in più. Cronache in realtà già abbastanza mutate in tempi di crisi.
Non ci sono dubbi: la bella stagione porta il riposo. Tanto è vero che l’Italia è il paese con la più lunga vacanza scolastica estiva del mondo. Come noi nessuno mai, avvertendo però come non sia il caso di aggrapparsi all’immagine fanfarona dello stereotipo. Sommando tutti i periodi di stop alle lezioni durante l’anno infatti, le differenze tra il nostro e i paesi che si concedono meno alla tintarella, si assottigliano. Al di là dei giudizi di merito, siamo gente attenta al meteo.
Le nostre 13 settimane da giugno a settembre sono uniche o quasi. Come noi la Turchia, la Lituania e la Lettonia, mentre molto vicine sono le nazioni del Sud Europa, Grecia e Spagna, che si fermano attorno alle 12 settimane. L’Irlanda 11, il Portogallo 10 come l’Austria.
Andando verso nord invece si risparmia sulle creme solari, trovando le nazioni più “intransigenti”, a cui evidentemente basta la settimana sulla riviera romagnola per rigenerarsi: Inghilterra e Germania fermano le loro scuole per sole sei settimane, arrivando con le lezioni a metà o fine luglio. Proprio come accade in Norvegia, Svezia e Danimarca.  Qualcosa di più per la Francia, 7-8. Ma, come detto, non c’è da farsi ingannare. Se infatti in Italia le sospensioni legate alle festività si riducono a un mese o anche meno, in questi paesi si aggiungono invece due mesi al dato totale.
Nel mondo la situazione è abbastanza simile. ferie ridotte nella bella stagione, ma varie pause disseminate nell’arco dell’anno. In Australia la puasa estiva coincide con le festività natalizie e dura 6 settimane. In Cina 8, che diventano 12 in tutta l’annata. Nel vicino Giappone appena 5, considerando però le precedenti 2 di primavera. In Sudafrica ci sono varie finestre: 40 giorni alla fine dell’anno scolastico a dicembre, un mese a metà (giugno) e due volte 10 giorni a marzo e settembre. Questa la quantità, sulla qualità il dibattito è aperto.
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 24 marzo

Next Article

Claudio Lotito sale in cattedra all'Università

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".
Leggi di più

Si studiano le materie STEM e solo per quattro anni: nasce il Liceo per la Transizione ecologica e digitale

Si chiamerà T.E.D. ed è il nuovo liceo pensato dal Ministero dell'Istruzione per formare e preparare i ragazzi alle sfide che la transizione ecologica e digitale impone anche nel nostro Paese. Le scuole interessate da questa novità sono 27 in tutta Italia e collaboreranno con le università e le aziende del Consorzio Elis. Per iscriversi c'è tempo fino al 28 gennaio.